Twin Peaks: The Return, commento alla parte 15

È un episodio di opposti questa quindicesima parte di Twin peaks: The Return; per una storia d’amore finita bene, ce n’è un’altra che deflagra in tragedia; per un personaggio che (forse) si risveglia, un altro se ne va per sempre (nello show e, purtroppo, anche IRL).

Gli eventi sembrano sempre ripetersi a Twin Peaks, in un loop infinito a immagine e somiglianza delle frizzanti serate casalinghe di Sarah Palmer. Che Big Ed non sia mai stato esattamente una personalità decisa e capace di imporsi non lo scopriamo certo ora: come 26 anni fa il suo amore con Norma era stato finalmente (ma illusoriamente) liberato grazie al “permesso” datogli da Nadine in seguito alla sua regressione liceale e alla cotta per Mike, così anche ora la felicità del benzinaio sembra subordinata all’avvallamento della sua bendata e un tantino instabile moglie. A questo giro sono il Dottor Jacoby e la sua vanga spalamerda a trarre Ed d’impaccio, e la sua intera vita sembra essere riassunta nell’attesa in stand by al bancone del Double R in cui Norma lo mette, prima di sbarazzarsi del suo nuovo e materialistico amichetto Walter. Difficile comunque rimanere impassibili davanti a quella mano sulla spalla, che sembra finalmente suggellare – speriamo sia la volta buona – un happy handing rimandato sin dal liceo.

Il primo speculare corrispettivo di cui parlavamo in apertura è il suicidio di Steven nei boschi, accidentalmente testimoniato da Mark Frost mentre portava a spasso il cane. Che la tragedia fosse dietro l’angolo nel triangolo tra lui, Becky e Gretchen si potevas odorare facilmente. L’improvvisa svolta dark dell’episodio è poi continuata dall’incontro di Evil Cooper con un Philip Jeffries reincarnato in una teiera gigante (proprio così); e se continuano i commoventi materiali d’archivio con David Bowie, la nuova voce purtroppo non è la sua.

Mentre Richard Horne conferma a Bob/Coop di essere il figlio di Audrey, la sua mamma continua a tornare in siparietti lynchiani fino allo sfinimento di cui non è ancora ben chiara la dimensione spazio/temporale.

L’altra antitesi è quella più importante e commovente dell’episodio: sembra essere finalmente arrivato il momento del tanto agognato risveglio di Cooper, che cambia espressione sentendo il nome di Gordon Cole mentre guarda Viale del Tramonto e infila una forchetta nella presa elettrica; molto probabilmente sapremo settimana prossima se riaccesa la luce rivedremo il nostro agente FBI preferito, o se ancora una volta – l’ennesima di questo revival – il sadismo di Lynch verso lo spettatore ci frustrerà nuovamente. Dalla parte opposta di Dale c’è il devastante addio alla Signora Ceppo, girato pochi giorni prima della reale morte della sua storica interprete Catherine Coulson (a cui l’episodio è dedicato), uno dei personaggi più amati e iconici del mondo di Twin Peaks. Hawk, I’m dying, e non c’è neppure più bisogno di utilizzare la cornetta del telefono.

23 agosto 2017
23 agosto 2017
Leggi tutto
Precedente
Flow #47 – Flower Power Flow #47 – Flower Power
Successivo
Le navigazioni musicali di Populous. Intervista a Andrea Mangia Populous - Le navigazioni musicali di Populous. Intervista a Andrea Mangia

articolo

Twin Peaks: The Return, commento ai primi due episodi

Articolo

“Ci rivedremo tra 25 anni”, diceva Laura Palmer all’agente Dale Cooper nella sala d’attesa della Loggia Nera: come dimenticarlo? Ele...

articolo

Twin Peaks: The Return, commento alla parte 10

Articolo

Superata la metà della terza stagione, il nuovo episodio del telefilm di Lynch affronta l'incubo della vita con il sorriso sulle labbr...

articolo

Twin Peaks: The Return, commento alla parte 11

Articolo

L'undicesima parte della nuova stagione di Twin Peaks chiude alcune linee narrative, confermando la convergenza che si intravede all�...

articolo

Twin Peaks: The Return, commento alla parte 12

Articolo

A sei episodi dalla fine di questo clamoroso The Return, appare ormai chiaro che gli infiniti nodi aggrovigliati da David Lynch e Mark Frost...

articolo

Twin Peaks: The Return, commento alla parte 13 e 14

Speciale

Si ride. Ci si commuove. Flashback, loop. Trenini e braccio di ferro, a collegarsi al gioco, all'infanzia. Omicidi e cuori infranti, a ...

articolo

Twin Peaks: The Return, commento alla parte 3 e 4

Articolo

Al secondo doppio appuntamento con la serie di David Lynch, le vicende divengono sempre più visionarie, i misteri si infittiscono. Le appar...

articolo

Twin Peaks: The Return, commento alla parte 5

Articolo

David Lynch ribadisce come la logica non sia di casa a Twin Peaks (né nelle altre località in cui vediamo ambientati gli eventi) e che il ...

articolo

Twin Peaks: The Return, commento alla parte 6

Articolo

Le domande aumentano in maniera incontrollabile, ma come abbiamo imparato molto tempo fa non ha tanto senso cercare la logica nella narrazio...

articolo

Twin Peaks: The Return, commento alla parte 7

Articolo

La settima parte della nuova Twin Peaks tende la mano allo spettatore riallacciando luoghi e temi delle vecchie stagioni. Qualche cerchio si...

Altre notizie suggerite