Algiers – We Can’t Be Found

Il 17 gennaio 2020 uscirà il nuovo album degli Algiers intitolato There is no Year, prodotto dalla Matador Records e già anticipato da due singoli, Disposession e Void. Nella giornata di oggi – 8 gennaio – è stato reso disponibile un terzo brano in anteprima, We Can’t Be Found, forte non solo della voce del frontman Franklin James Fisher ma anche di un sinuoso e sinistro coro gospel.

Impreziosito dalle sculture astratte di Lloyd Benjamin e da un inquietante incedere della macchina da presa, il videoclip di We Can’t Be Found è diretto da Ian Cone, il quale aveva già dato il proprio contributo per le due canzoni precedenti. Come rivela la nota stampa, l’ispirazione principale per il regista è stato il cinema espressionista tedesco degli anni ’30, utile nel mettere in scena un ipotetico paesaggio urbano dai tratti distopici (e in questo sono state fondamentali le inquietanti luci gestite dal DoP John Manfredi). «Mi sembra che i video musicali di successo siano quelli che fanno riflettere e che trasmettono il mood del brano agli ascoltatori – ha dichiarato il chitarrista Lee Tesche – […] Il risultato aspira ad essere qualcosa a metà tra i lavori inquietanti di Darius Khondji e le scenografie di Il Gabinetto del Dottor Caligari [Robert Wiene] o Metropolis di Fritz Lang».