Fassbinder Wunderkammer
Gen
01
2017

Alessandra Novaga

Fassbinder Wunderkammer

Setola Di Maiale

RockAvant
array(0) { }
  • Veronika Voss
  • Frankfurter Out Of Tune
  • L.M. #1
  • Der Amerikanische Soldat
  • L.M. #2
  • Serenade
  • Lola
  • Goetter der Pest
  • Berlin Alexanderplatz
  • Franz B.
  • Each Man Kills The Thing He Loves
  •  
Precedente
Petite Wunderkammer EP Paolo Tarsi - Petite Wunderkammer EP
Successivo
A Thousand Skies Clap! Clap! - A Thousand Skies

Info

«Questo disco parla di R.W. Fassbinder e del suo cinema». Dopotutto, con un titolo che recita più o meno “la camera delle meraviglie di Fassbinder” ci si sarebbe meravigliati del contrario. Per l’autrice Alessandra Novaga, chitarrista di formazione classica e sviluppi avant, già distintasi con La Chambre Des Jeux Sonores e, soprattutto, con l’ottimo Movimenti Lunari, quella del regista tedesco è infatti una presenza fissa, quasi un ectoplasma che accompagna tramite le immagini dei propri film, l’intera esistenza della chitarrista: una presenza che la Novaga ha ribadito in una scaletta nata casualmente ma che evidenzia il doppio binario biografico-conoscitivo tra Novaga e Fassbinder: «Il disco inizia con Veronika Voss, che è il primo film di Fassbinder che ho visto quando avevo 17 anni […], e l’ultima traccia, Each Man Kills The Things He Loves, è tratta da Querelle De Brest, che è il suo ultimo film».

Non un semplice tributo, però, nonostante le composizioni siano legate ovviamente a quelle originarie opera di Peer Raben (eccezion fatta per L.M. che è una rivisitazione di Lili Marlene), quanto una rielaborazione e rivisitazione personale che si fa accorato e appassionato omaggio a un sentire comune sviluppatosi in forme artistiche differenti, ma non eccessivamente dissimili. Nelle parole della Novaga, questo è il suo lavoro più personale, la summa delle sue esperienze strumentali e musicali e «una dichiarazione d’amore al cinema e a Rainer Werner Fassbinder».

Il disco uscirà in vinile limitato a 300 copie il 1 gennaio 2017 per Setola Di Maiale, è stato composto utilizzando tre diverse chitarre («una vecchissima e inaccordabile» Framus degli anni ’40, una chitarra classica e una Gibson 339), registrato da Giovanni Isgrò, masterizzato da Maurizio Giannotti al Newmastering Studio, mentre l’immagine di copertina è di Laila Pozzo. Nella sezione widget di questa pagina è possibile ascoltarlo in esclusiva per Sentireascoltare.

di Stefano Pifferi

Widget

Altre notizie suggerite