Lemonade
apr
22
2016

Beyoncé

Lemonade

Columbia Records

Pop
array(0) { }
  • Pray You Catch Me
  • Hold Up
  • Don't Hurt Yourself
  • Sorry
  • 6 Inch
  • Daddy Lessons
  • Love Drought
  • Sandcastles
  • Forward
  • Freedom
  • All Night
  • Formation
Precedente
Asymmetric Warfare Simon Balestrazzi - Asymmetric Warfare
Successivo
Michael Jackson – Bad Michael Jackson - Michael Jackson – Bad

Info

Annunciato come un documentario su HBO nello stile di Life is But a Dream (pubblicato nel 2013), Lemonade si è rivelato essere anche il nuovo visual album di Beyoncé e dunque il successore dell’album omonimo Beyoncé, disco che ha inaugurato questo tipo di formato sempre nel 2013.

Il nuovo lavoro, in esclusiva streaming/acquisto su Tidal, è stato pubblicato via Columbia/Parkwood venerdì 23 aprile 2016 e presenta, tra gli altri, i feat. di James Blake, Kendrick Lamar e Jack White. Nella lunga lista dei crediti, secondo quanto riporta Pitchfork, sono presenti gli Yeah Yeah Yeah e Soulja Boy nel brano Hold Up, in quanto la canzone contiene campionamenti delle rispettive Maps e Turn My Swag On (nel brano ci sono inoltre i credit di Diplo, Ezra Koenig dei Vampire Weekend, Emile Haynie, MNEK e Father John Misty). Anche la canzone Don’t Hurt Yourself presenta dei sample, questa volta dei Led Zeppelin: di quest’ultimi è presente l’estratto When the Levee Breaks mentre Jack White è il featurer. The Weeknd partecipa come co-writer del singolo 6 Inch assieme a The Dream e il brano, co-prodotto dal fidato Boots, contiene un estratto di My Girls degli Animal Collective (su Genius lo stesso Boots ha spiegato la genesi del brano e della citazione agli AC). La traccia All Night – prodotta da Diplo – contiene invece il campione di SpottieOttieDopaliscious degli Outkast. Inoltre Lamar compare nel brano Freedom (prodotto da Just Blaze) e James Blake fa la sua comparsata al canto in Forward.

Presenti nel disco anche Jon Brion (che ha curato gli archi), il marito Jay Z, la campionessa di tennis Serena Williams e Amandla Stenberg, Quvenzhané Wallis, Zendaya e altri ancora. L’album è stato anticipato all’inizio dell’anno dal brano Formation – presentato sia tramite una criticata performance al Super Bowl 50, sia per mezzo di un videoclip – e dall’annuncio di un tour mondiale che tocca anche l’Italia con una data allo stadio San Siro.

di Edoardo Bridda

Widget

Altre notizie suggerite