Album

Eartheater

Phoenix: Flames Are Dew Upon My Skin

2 Ottobre 2020 pop elettroacustica experimental

Continua il sodalizio tra l’etichetta PAN e l’artista Alexandra Drewchin, in arte Eartheater. A due anni dall’ottimo IRISIRI, a ottobre 2020 arriva Phoenix: Flames Are Dew Upon My Skin, album interamente composto, prodotto e arrangiato da Drewchin in gran parte durante una residenza artistica di dieci settimane presso Saragozza, Spagna.

«It has been an utter dream», scrisse dell’esperienza in un post Facebook del Novembre 2019, «allowing me to go the deepest I’ve ever gone – into the bedrock from where my spring gushes – where the water is warm because it’s close to the lava trickling over diamonds». Il disco arriva inoltre a un anno di distanza dall’incantevole mixtape Trinity e della ristampa del suo primo esperimento di abstract folk, Metalepsis.

Come lasciava intendere il primo estratto Below The Clavicle, il nuovo album riflette il riavvicinamento di Eartheater a uno dei suoi primi amori, la chitarra acustica, e la ricerca di nuove, alchemiche vie di mezzo tra un pop-folk di matrice sinfonica e le sue sperimentazioni elettroniche degli ultimi cinque anni. Esemplificativo del potenziale di questo mix il viscerale folk del secondo estratto How To Fight. Nel video del brano Eartheater non manca di mostrare le doti da consumata performer che l’hanno resa un’icona dell’underground di New York. Ad accompagnarla sul disco i musicisti spagnoli dell’Ensemble de Camara e il duo di New York LEYA (arpa, violino), già con lei nell’EP collaborativo del 2019 Angel Lust.

Tracklist
Ascolta
Spotify
Voti
Amazon
Discografia
Vota
  • 1 Airborne Ashes
  • 2 Metallic Taste of Patience
  • 3 Below the Clavicle
  • 4 Burning Feather
  • 5 How to Fight
  • 6 Kiss of the Phoenix
  • 7 Volcano
  • 8 Fantasy Collision
  • 9 Mercurial Nerve
  • 10 Goodbye Diamond
  • 11 Bringing Me Back
  • 12 Diamond in the Bedrock
  • 13 Faith Consuming Hope

I più ascoltati