Norman Fucking Rockwell
Ago
30
2019

Lana Del Rey

Norman Fucking Rockwell

Polydor

Pop
array(0) { }
  • Norman Fucking Rockwell
  • Mariners Apartment Complex
  • Venice Bitch
  • Fuck It I Love You
  • Doin' Time
  • Love Song Lyrics
  • Cinnamon Girl
  • How to Disappear
  • California
  • The Next Best American Record
  • The Greatest
  • Bartender Lyrics
  • Happiness is a Butterfly
  • ​hope is a dangerous thing for a ...
Precedente
Resonant Body Octo Octa - Resonant Body
Successivo
Memorial EP CYRK - Memorial EP

Info

Dopo mesi di anticipazioni, Lana Del Rey ha condiviso i dettagli su Norman Fucking Rockwell, ovvero l’atteso seguito del nominato ai Grammy Lust for Life. Il disco uscirà ufficialmente il 30 agosto 2019 e ad annunciarlo è la stessa popstar tramite un paio di post condivisi via Instagram in cui sono rispettivamente illustrate copertina e retro-copertina. Dalla seconda immagine è inoltre consultabile il dettaglio sulla tracklist della sua sesta prova sulla lunga distanza, composta da 14 brani tra cui troviamo le note, e precedentemente condivise per lo streaming, Mariners Apartment Complex, Venice Bitch, Hope Is a Dangerous Thing for a Woman Like Me to Have — But I Have It e Doin’ Time (cover dei Sublime).

Al lavoro sul disco sono confermati il produttore dietro ai dischi di Lorde, St. Vincent e Taylor Swift, Jack Antonoff (al lavoro sulle nuove tracce assieme alla Del Rey dal 2017), Laura Sisk, Rick Nowles e Zach Dawes. A caratterizzarlo e influenzarlo, il surf, le chitarre elettriche, le sonorità del Laurel Canyon e pure i Red Hot Chili Peppers. Questo a detta della stessa cantante in un’intervista concessa a Zane Lowe per Beats 1 Radio, in cui è stata spiegata la scelta del bizzarro titolo dietro al lavoro: «Lavorare con Jack è stato molto divertente, lui ti fa sentire più leggera e la title track e il titolo del disco sono andati di conseguenza: parlano di questo tipo che è un artista geniale ma lui al contrario pensa di essere una merda e non smette di parlarne. Questa narrativa va avanti all’infinito. E’ stato bello crearci una storia sopra, un canovaccio».

A settembre dello scorso anno l’artista trentatreenne aveva posticipato a data da destinarsi il suo concerto israeliano originariamente previsto nell’ambito del Meteor Festival. Il suo ultimo disco, Lust for Life, è stato recensito tiepidamente su SA da Marco Boscolo, il quale ha firmato un monografico a lei dedicato. Di seguito il trailer di presentazione del disco.

di Edoardo Bridda

Widget

Altre notizie suggerite