Radiator
Ago
04
1997
Precedente
The Guillotine Hey Colossus - The Guillotine
Successivo
Ikonika – Distractions Ikonika - Ikonika – Distractions

Info

Pubblicato ad agosto 1997, Radiator è il secondo in studio della psych band gallese Super Furry Animals capitanata da Gruff Rhys. Il primo che ne affermò la cifra stilistica (sempre centrata sul pop ma più stravagante e sperimentale rispetto all’esordio – Fuzzy Logic  – maggiormente influenzato dal Brit Pop) e il successo commerciale (8° posto nella classifica album britannica) sancendo così l’ingresso della formazione all’interno delle fila del cosiddetto rinascimento gallese dei 90s assieme a Manic Street Preachers, Catatonia, Stereophonics e Gorky’s Zygotic Mynci.

«Radiator è un ricettacolo ultraconcentrato di arte compositiva e creatività in 14 atti, la cui freschezza e immediatezza restano ineguagliate (primato forse conteso solo da Hey Venus!). Rispetto all’esordio, la produzione è meno “pastosa” e più calda nel mescolare tinte elettriche e acustiche, mantenendo comunque quel suono corposo e pieno che, coi dovuti distinguo, avrebbe fatto la fortuna di act affini come la Beta Band» (Antonio Pancamo Puglia, Meta-pop 4 everyone!, 2007).

In occasione della ristampa dell’album per il suo ventesimo compleanno (28 luglio 2017) è stata condivisa per lo streaming la bonus track The Boy With The Thorn In His Side, una cover degli Smiths contenuta originariamente nell’album The Queen is Dead (anch’esso oggetto di celebrazioni nel 2017 per via del 30° anniversario). Riguardo alla versione, Rhys ha spiegato in una nota stampa che il tentativo della band era inizialmente quello di tradurne il testo in francese ma che alla fine l’omaggio si è trasformato in un pezzo strumentale («con elementi della traduzione affidata ad un amico francese che viveva all’epoca a Manchester»). Di seguito l’ascolto.

di Edoardo Bridda

Widget

Altre notizie suggerite