I concerti non torneranno prima dell’autunno, secondo il dott. Anthony Fauci

Secondo Fauci la ripresa di questi ultimi non potrà avvenire prima dell'autunno prossimo

Nel corso di una conferenza virtuale organizzata da Association of Performing Arts Professionals, ha presenziato anche il dott. Anthony Fauci, divenuto noto per i suoi scontri a tema di sicurezza sanitaria con Donald Trump. Durante la conferenza si è analizzato lo stato delle attività culturali sul territorio statunitense e quando queste potranno effettivamente riprendere in sicurezza, con una particolare attenzione per gli spettacoli dal vivo. Secondo l’immunologo statunitense la ripresa di quest’ultimi non potrà avvenire prima dell’autunno prossimo – aveva ragione Lars Ulrich riferendosi ai grandi eventi live – ovvero quando si sarà vaccinato circa il 70% della popolazione USA.

Se tutto va come previsto, si potrà ripartire nell’autunno 2021, così quando arriveremo a metà autunno avremo gente sicura nell’esibirsi sul palco così come gente tranquilla tra il pubblico.

Fauci, comunque, prevede che ai concerti indoor (così come nei cinema e nei teatri) bisognerà continuare a indossare la mascherina, sicuramente per tutto l’autunno. Il medico ha citato uno studio tedesco che indicava le diverse procedure da adottare: sistema di ventilazione molto efficiente, capacità ridotta e mascherine obbligatoriamente di tipo N95 indossate dal pubblico.

Quello che il mondo delle arti performative deve fare è un po’ più di quello che i tedeschi stanno facendo attualmente. Torneremo anche al cinema, gli artisti si esibiranno, il pubblico li apprezzerà. Succederà presto.

Per quel che riguarda le riaperture dei cinema in Italia rimandiamo all’analisi di Robert Bernocchi su ScreenWeek, che prefigura tre scenari possibili, di cui il più probabile prevede un ritorno alle normali attività proprio per il periodo fine estate-autunno, come detto da Fauci. E sempre per quanto riguarda il ritorno alla frequentazione della musica dal vivo, in questo caso nei club al chiuso, abbiamo già un case study che ha dato esiti positivi, ovvero quello condotto dal Primavera Sound e altre organizzazioni a Barcellona.

Tracklist