I Massive Attack condivideranno dati utili ad analizzare l’impronta ecologica dei loro tour

I Massive Attack condivideranno quanto è necessario ad un gruppo di scienziati per misurare l'impronta ecologica del loro prossimo tour

A stretto giro dall’annuncio dei due dj set italiani di Daddy G, i Massive Attack hanno reso noto – via Guardian – che il loro prossimo tour servirà a un team di scienziati per mapparne l’impronta ecologica, e questa darà in seguito modo all’industria discografica di ragionare sui nefasti effetti sull’ambiente causati dagli spostamenti di musicisti e band di successo e sulle strategie per contrastarli.

Nel dettaglio, i dati che la band ha acconsentito di condividere daranno la possibilità al Tyndall Centre for Climate Change Research dell’Università di Manchester di valutare 3 importanti problematiche legate all’impatto ambientale di un importante tour: le alte emissioni di CO2 legate agli spostamenti richiesti alla band dalla tournée stessa, quelle prodotte dal pubblico per recarsi alle date dei concerti, nonché l’impronta ecologica complessiva di tutte le location coinvolte.

Ricordiamo che attorno agli spostamenti internazionali effettuati dagli artisti per la loro attività concertistica si è sviluppato quest’anno un ampio dibattito. Nel frattempo i Massive Attack hanno celebrato il ventennale di Mezzanine con un tour che lo scorso inverno ha toccato anche l’Italia (il 6 febbraio a Milano, l’8 a Roma e il 9 a Padova). SA potete rivedere un giovane Robert “3D” Del Naja alle prese con la street art e leggere la recensione dell’ultimo lavoro della band, l’EP Ritual Spirit, nonché la scheda introduttiva, entrambe firmate da Andrea Macrì.

Tracklist
  • 1 Angel
  • 2 Risingson
  • 3 Teardrop
  • 4 Inertia Creeps
  • 5 Exchange
  • 6 Dissolved Girl
  • 7 Man Next Door
  • 8 Black Milk
  • 9 Mezzanine
  • 10 Group Four
  • 11 (Exchange)
Massive Attack
Mezzanine