JPEGMAFIA infiamma il Pitchfork Music Festival 2019

Vale la pena di vederlo in azione JPEGMAFIA, scheggia impazzita nel sottobosco dell’hip hop più storto e sperimentale. Lo scorso anno il suo Veteran, album o mixtape non è ben chiaro, aveva lasciato un bel segno – anche sulle nostre pagine – attraverso brevi tracce lasciate volutamente allo stadio di demo eppure cariche di tutta la violenza verbale e sonora di cui avevano bisogno. Tracce degne dei primissimi Death Grips che trovano dal vivo un ideale teatro in cui deflagrare.

Nel set al Pitchfork Music Festival, che la popolare testata statunitense ha condiviso per  lo streaming nella sua interezza, il rapper mostra muscoli, sudore ma soprattutto una grande performance vocale ai limiti delle capacità fisiche. Un assalto in piena regola, che abbiamo già avuto modo di apprezzare al Primavera Sound 2019, in cui le pallottole sparate in rapida successione si chiamano I Cannot Fuckin Wait Til Morrisey Dies e Macaulay Culkin, ma rispondono anche ai nomi di Vengeance | Vengeance (cover di Denzel Curry), How to Build a Relationship (di Flume con il suo feat, vedi Hi This Is Flume) e Puff Daddy (in collaborazione con Kenny Beats).

Prendetevi il tempo di vedere lo streaming: Peggy è uno dei più potenti performer Hip Hop della sua generazione. Su SA trovate la recensione di Veteran a firma Luca Roncoroni.

30 Luglio 2019 di Edoardo Bridda
Leggi tutto
Precedente
“The Irishman”. Le prime immagini ufficiali del film di Martin Scorsese “The Irishman”. Le prime immagini ufficiali del film di Martin Scorsese
Successivo
Iggy Pop condivide “James Bond” dal nuovo album “Free” Iggy Pop condivide “James Bond” dal nuovo album “Free”

artista

recensione

Altre notizie suggerite