MGMT. Nel nuovo album anche Ariel Pink, Connan Mockasin e trip di acidi

Come anticipato, il 2018 vedrà il ritorno degli MGMT con un nuovo album, il primo dopo quello eponimo pubblicato nel 2013. Dopo averne gustato due anticipazioni, la title-track Little Dark Age e When You Die, arrivano nuovi dettagli sulla pubblicazione grazie a Q Magazine. Patrick Wimberly dei Chairlift, che ha co-prodotto l’album con Dave Fridmann, ha incoraggiato Andrew VanWyngarden e Ben Goldwasser a ingaggiare dei collaboratori, fatto che ha poi portato dentro compagni di viaggi psichedelici come Ariel Pink e Connan Mockasin, entrambi co-autori della sopracitata When You Die.

E mentre il videoclip relativo a quest’ultima svetta per i toni psichedelici, è il brano intitolato James ad essere stato ispirato da un trip sotto l’effetto di acidi. Dopo aver preso «quella che possiamo chiamare una micro-dose di acido», che si è rivelata essere poi più che una macro-dose, con Wimberly, VanWyngarden ha spiegato di aver «passato ore urlando con tutta la mia voce riguardo al Pakistan». In qualche modo, quel trip si è trasformato in una session di songwriting e i Nostri hanno finito l’intera canzone lì e subito. VanWyngarden ha parlato anche dell’amore per il synth-pop europeo e di come Little Dark Age sarà un album più leggero: «Mentre lavoravamo all’album precedente, parlavamo sempre di introdurre più canzoni pop, ma non è successo. Forse fare le cose in quel modo ci ha permesso di realizzare il tutto con questo album, che è più rilassato. Siamo entrambi molto felici di come è venuto fuori».

Per quanto riguarda Ariel Pink, quest’anno è uscito il suo ultimo album, Dedicated to Bobby Jameson, recensito su queste pagine da Edoardo Bridda.

21 Dicembre 2017 di Davide Cantire
Leggi tutto
Precedente
Calibro 35. Annunciate le prime date del tour 2018 in supporto all’album “Decade” Calibro 35. Annunciate le prime date del tour 2018 in supporto all’album “Decade”
Successivo
Erykah Badu esegue una cover di “Sorrow Tears and Blood” di Fela Kuti al Tonight Show Erykah Badu esegue una cover di “Sorrow Tears and Blood” di Fela Kuti al Tonight Show

recensione

recensione

recensione

recensione

artista

artista

recensione

album

MGMT

Little Dark Age

Altre notizie suggerite