R. Kelly rilasciato su cauzione: prima tappa McDonalds

Lo scorso 22 febbraio R. Kelly si è consegnato alle autorità con quest’ultime a spedirlo in carcere la sera stessa. Nei consueti tempi amministrativi statunitensi è seguita la cauzione da dover corrispondere per il rilascio, una cifra piuttosto cospicua di 1 milione di dollari, vale a dire 250mila per ognuno dei quattro casi di violenza a lui addebitati, per un totale di dieci capi d’imputazione.

Di queste ore gli scatti del The Chicago Tribune – che ha seguito l’intera vicenda – che lo vedono uscire di prigione – lunedì mattina – circondato da giornalisti e curiosi. Il milione è stato pagato e Kelly, tramite il suo avvocato, ribadisce la sua completa innocenza. Dovrà presentarsi all’udienza del tribunale fissata per il prossimo 22 marzo. Nel frattempo nuove donne si sono fatte avanti denunciando analoghi episodi di violenze. Le accuse più gravi a suo carico riguardano abusi su ragazze minorenni all’epoca dei fatti all’interno di un arco temporale piuttosto ampio che va dal 1998 al 2010.

Kelly però non sembra preoccuparsene: la sua prima visita una volta scarcerato è stata allo stesso McDonalds di River North in cui – stando a quanto ha ricostruito Spin – addescò una minorenne all’inizio del 2000. Visita a cui è seguita la tappa al cigar lounge cittadino accompagnato da Joycelyn Savage e Azriel Clary, due donne che attualmente vivono con lui, i cui rispettivi genitori – riporta COS – ne avevano denunciato il domicilio, non proprio consensuale.

Ricordiamo che tutta la faccenda era partita della docuserie Surviving R. Kelly, trasmessa nello scorso mese di gennaio (ma in verità il musicista è nell’occhio del ciclone fin dal 2017). Nel programma – che andrà in onda anche in Italia da lunedì 18 marzo alle 22.00 su Crime+Investigation, canale 119 del pacchetto Sky – sono presenti delle testimonianze che accusano l’uomo per le sue condotte sessuali.

Per quanto riguarda i quattro casi sopracitati, questi sarebbero riferibili ad altrettante donne che sono state violentate da R. Kelly in passato: la prima, identificata dalle iniziali di nome e cognome come H.W., sostiene di essere stata violentata in un’occasione avvenuta in una non meglio specificata data tra il 26 maggio 1998 e il 25 maggio 1999. All’epoca la donna aveva sedici anni; la seconda, R.L., si ritiene che sia la donna che si vede in un video di recente venuto allo scoperto in cui ci sarebbe la prova della violenza ai suoi danni da parte del cantante; la terza, L.C., sarebbe stata molestata nel 2003, quando aveva 24 anni e faceva la parrucchiera; l’ultima, J.P. sarebbe stata stuprata tra il 1 maggio 2009 e il 31 gennaio 2010, quando aveva 16 anni.

26 Febbraio 2019 di Edoardo Bridda
Precedente
Adam Granduciel e Krysten Ritter aspettano un figlio Adam Granduciel e Krysten Ritter aspettano un figlio
Successivo
“Adrian”. La serie di Celentano tornerà su Mediaset in autunno “Adrian”. La serie di Celentano tornerà su Mediaset in autunno

artista

Altre notizie suggerite