Recensioni

7

Appena tre anni fa salutavamo con un certo clamore In The Silence, l’esordio discografico del giovane songwriter islandese Àsgeir che, attraverso una delicata formula folk-pop, riuscì da subito a catalizzare l’attenzione della stampa di settore. Lo ritroviamo in Afterglow possibilmente ancor più consapevole dei propri mezzi e con riferimenti stilistici sempre più precisi. Se da un lato persiste la naturale inclinazione alla fenomenologia iveriana (ora più decentrata verso l’ultimo 22, A Milion), dall’altro il suono si arricchisce di sfumature tendenti ad un glaciale R&B bianco in scia al miglior James Blake (Nothing).

Afterglow è una creatura che si evolve con il suo creatore. Summa fedele di tutto ciò che l’ex enfant prodige ha assorbito negli ultimi tre anni trascorsi in giro per il mondo, oltre che cartina tornasole di un sound che definire “nordico” appare sempre più riduttivo. Funzionali al discorso, infatti, anche le venature emotive ridisegnate dai contributi lirici e sonori firmati dal fratello e dal padre-poeta Einar Georg Einarsson, già coinvolto nel primo In The Silence. Tutti elementi che fanno del nuovo disco un camaleontico gioiello art-pop dove bagliori dreamy si fondono con un’elettronica mai invasiva e sempre ben calibrata: basterebbe l’estaticità di Unbound o la cifra intimista della title-track per convincersene ma Àsgeir si spinge ancor più lontano riuscendo nell’intento di far coesistere in scaletta richiami ad Anohni (Here Comes The Wave In) ma meno politicizzati ad echi, arrangiamenti e fluidi melliflui in chiave Sigur Rós (Hold). Ritroviamo con piacere anche la natura non scalfibile della componente folk (New Day), che nel diluirsi lascia scorgere un Nick Drake futurista.

Sotto la sua coltre di ghiaccio, Afterglow cela un cuore bollente e pronto ad esplodere. Nelle geografie umorali messe su pentagramma non esistono alti e bassi ma solo un costante scoprirsi e trasformarsi. Il musicista islandese riesce a cristallizzarne le fasi salienti regalandoci una seconda prova degna di nota che, siamo sicuri, non passerà sotto silenzio.

Voti
Amazon

Ti potrebbe interessare

Le più lette