• Ago
    03
    2018

Album

Brainfeeder

Add to Flipboard Magazine.

Esce per Brainfeeder il terzo disco di Dorian Concept: un approdo quasi scontato per il producer e talentuoso musicista austriaco, anzi rimandato forse troppo a lungo, considerato che il Nostro, in un curriculum di tutto rispetto dove spicca anche una collaborazione con la Cinematic Orchestra, vanta trascorsi come tastierista per il fondatore stesso dell’etichetta, Flying Lotus. Se questi incroci vi possono sembrare casuali o pretestuosi, basta un ascolto alle passate produzioni di Dorian (all’anagrafe viennese Oliver Thomas Johnson) per capire quanto lui e la label californiana parlino esattamente la stessa lingua: un dialetto sonico in cui s’incontrano space-jazz e bass-music, elettronica scintillante e fusion anni ottanta, ricordi rave e la passione per i compositori più sperimentali e avventurosi del novecento. Proprio questa tendenza verso un suono più destrutturato, psych e minimalista (nel senso proprio di reiterazione e ripetizione di brevi frasi musicali), che emergeva sul finire del precedente album, Joined Ends, viaggio «in un paese delle meraviglie sintetico» uscito ben quattro anni fa per l’attenta Ninja Tune, sembra essere la grande sacrificata del nuovo lavoro, dove il ruolo da protagonista è ricoperto indubbiamente dalle innumerevoli voci, ovviamente campionate e risuonate alle tastiere.

Il rischio di una tale scelta, che premia l’aspetto più tecnico e virtuosistico della visione artistica dell’autore, è di lasciarsi andare a sbrodolamenti prog aggiornati ad un’electro-space-funk ancora dannatamente vicino al wonky, sotto-genere elettronico di cui Brainfeeder è sempre stata forte promulgatrice: nei momenti meno ispirati succede esattamente questo, con Dorian che pare rivolgersi esclusivamente a un pubblico di nerd. Eppure, anche se The Nature of Imitation non possiede né un pezzo killer come Draft Culture, singolo di lancio del suo fratello maggiore, né l’eclettismo sofisticato del citato disco, azzecca almeno due momenti davvero pirotecnici, ispirati e coinvolgenti, Pedestrians ed E13.

4 Agosto 2018
Leggi tutto
Precedente
Alia – Giraffe
Successivo
Denzel Curry – TA13OO

album

artista

recensione

recensione

recensione

recensione

artista

recensione

artista

Altre notizie suggerite