• Apr
    27
    2018

Album

Sub Pop

Add to Flipboard Magazine.

Quale definizione migliore dare di questo quintetto del New Jersey se non quella di “college band”?. Nel senso più stretto, visto che si sono conosciuti all’università. Che poi è la stessa genesi di infiniti gruppi nella storia del rock, ma qui la dimensione naïf è più spiccata che mai. Il giovanilismo estremo del combo qui all’esordio sulla lunga distanza poggia sulla coppia Ava Trilling/Ben Guterl. La prima, vocalist e autrice dei testi; il secondo, chitarrista sulle brillanti trame del quale si fonda gran parte della cifra sonora, fresca e dai croccanti aromi pop-rock, degli statunitensi. A loro due, ideatori del progetto, si sono poi aggiunti gli altri tre elementi: basso, batteria e seconda chitarra. Registrato da Cameron Konner a Philadeplhia in soli cinque giorni, il disco esplora temi quali le relazioni, le scoperte e la sensazione di sentirsi alla deriva. Testi strazianti e intrisi di inquietudini post adolescenziali uniti a una verve da ventenni che però deve fare i conti con una certa – necessaria, benedetta – acerbità, specialmente in ambito tecnico.

Pathos, purezza, ingenuità, asprezza: caratteristiche che, pur con tutte le differenze, li accomunano a un’altra band nata a suo tempo sui banchi di scuola, gli U2, e a quel loro esordio – col senno di poi – epocale (Boy) che spargeva premesse e promesse ma su cui c’era parecchio da lavorare. Ecco, diciamo che parlando dei Forth Wanderers il riassunto potrebbe essere il medesimo. Lo stile musicale scarno e pulito rivela – oltre a energia, rabbia e urgenza – idee ancora solo abbozzate e una elementarità e limitatezza di risorse che, chissà, in futuro potrebbero rivelarsi buone basi su cui edificare solidi fabbricati. I presupposti ci sono tutti, a partire dal bagaglio di influenze prevalentemente Nineties che guarda tanto all’indie dei Built To Spill quanto agli incanti emo dei Weezer e allo slow-core di matrice Slint che si riflette, ad esempio, nel singolo di lancio Nervermine. Ovviamente non manca la propensione alla melodia e qualche sprazzo post-rock e strokesiano, tanto per sconfinare nel nuovo millennio senza per questo abbandonare l’afflato vintage dei rimandi.

30 Aprile 2018
Leggi tutto
Precedente
Fabio Cinti – La voce del padrone. Un adattamento gentile
Successivo
Wes Anderson – L’isola dei cani

album

artista

artista

artista

artista

artista

Altre notizie suggerite