• Nov
    21
    2013

Album

Fat Cat

Add to Flipboard Magazine.

Mini album di appena dieci canzoni (più intro e outro) per un power (?) trio di base londinese che si dichiara proveniente dal pianeta Terra e appartenente anche ad altre formazioni attive. Il sound ruvido dei Pavement risuona, come negli album precedenti, sullo sfondo di tutte le tracce, solo che qui è macchiato da uno sperimentalismo interessantissimo, fatto di voci rauche, accordi monotoni, chitarre stiracchiate e sovraincisioni.

Pubblicato da Fat Cat, Better Ghosts è il terzo album della band. E’ un album che, sulla carta (e in riferimento al brano Hayfever Wristband), avrebbe potuto configurarsi come l’ennesimo esperimento indie rock con ben poca originalità e tantissimi “già sentiti”, ma mai fermarsi alle apparenze. Scorrendo nella tracklist, ci si addentra sempre di più in savane psichedeliche che fanno pit stop nelle zone di certa Summer Of Love Sixties (Donovan), nei visionari paesaggi musicali degli Slint (Cicada), nelle escursioni fluide ma schizzate dei British Sea Power.

Basta ascoltare Higgs Boson o Notes Between F&E per accorgersi che l’estro creativo del trio non si ferma ad una ricostruzione passiva degli stilemi del genere. I Nostri vanno a fondo con competenza, contaminandosi col kraut (Ephemera), con il cantautorato d’oltreoceano (il titolo Horgan Harvest è chiaramente una citazione del capolavoro di Neil Young), col noise pienamente Nineties (anche quello più melodico in versione Smashing Pumpkins di Sand Grown).

C’è da stare attenti, però, quando si gioca col fuoco. Non sempre operazioni di questo tipo riescono felicemente e lo stesso Better Ghosts è recepito tutt’al più come un album interessante, sicuramente in crescita rispetto al precedente Ores & Minerals (ma forse non rispetto al melodico e brit A Thousand Heys) ma nulla di più. Perché la qualità dei referenti è alta e difficile da eguagliare: nell’improbabile caso in cui i Mazes volessero sbilanciarsi in un tentativo di competizione, ne uscirebbero obiettivamente sconfitti.

Lungi dall’esplorare un terreno stantio, Better Ghosts immette il gruppo sulla strada giusta e noi aspettiamo con ansia ulteriori sviluppi. 

5 Dicembre 2013
Leggi tutto
Precedente
Terje Nordgarden – Dieci Terje Nordgarden – Dieci
Successivo
Death Grips – Government Plates Death Grips – Government Plates

album

recensione

artista

artista

artista

etichetta

artista

Altre notizie suggerite