• set
    23
    2014

Album

Graveface

Add to Flipboard Magazine.

Ah, che spettacolo i Whirr… da grande promessa – mai mantenuta fino in fondo – a risibile macchietta social. Il clamore attorno al primo EP Distressor – uno degli esordi più folgoranti di tutta la guitar-music degli ultimi anni, portatore sano di possibili evoluzioni di un genere piuttosto ermetico come lo shoegaze – non si è concretizzato due anni più tardi con l’album di debutto Pipe Dreams, troppo discontinuo e sostanzialmente noioso (anche se per il sottoscritto Flashback rimane un pezzo da novanta ancora oggi).

Poi, l’assurda debacle di stile che ha accompagnato la release del trascurabile Around EP: di punto in bianco la pagina Facebook del gruppo è diventata il luogo preferito dalla band guidata da Nick Bassett per dare spazio a infantili assalti mediatici verso alcuni importanti critici musicali americani. Su tutti, il noto Needledrop (Anthony Fantano) – vedi immagine – e Ian Cohen di Pitchfork per la sua recensione di Guilty of Everything dei loro amichetti Nothing. Non contenti, hanno persino iniziato una crociata contro i – numerosi – fan che non hanno apprezzato le uscite della band (per i più curiosi, c’è pure un Tumblr dedicato). Un carisma decisamente lontano dal contornarsi di quell’alone di mistero onirico che caratterizzava alcuni nomi storici dello shoegaze.

Dopo un tour con i compari Nothing di Dominic Palermo (con il quale Nick Bassett ha dato vita al momentaneo side-project post-punk Death of Lovers) la band ha avviato la scrittura del materiale per il secondo album Sway (il primo su Graveface) tra Philadelphia – dove Bassett sembra aver trovato il proprio nirvana – e la California, dove risiedono i restanti Whirr ora privi della voce di Alexandra Morte, attualmente nelle Night School (ennesimo gruppettino female-garage-fuzzpop).

Sway è un disco meno etereo-ambientale rispetto a Pipe Dreams, più scuro, aggressivo, claustrofobico e “settato” su coordinate b/n care alla band di Palermo (si ascolti l’iniziale e potentissimo attacco di Press). Un immersivo saliscendi di accelerazioni e decelerazioni catartiche che regala sporadiche emozioni, come quelle suscitate dai cambi di tempo che sorreggono, distruggono e riassemblano Feel e dal veleggiare di Heavy (a suo modo orecchiabile). Un mood sinistro e devastante che dalle distorsioni abbassate e dai muri di feedback risale verso linee vocali – volutamente – piatte, malinconiche e sofferte, che nei momenti più intensi possono ricordare alla lontana i passaggi emo-sussurrati di Chino Moreno (Deftones), come nel caso della maestosa Clear – e le sue aperture che vagamente ricordano Change – e nella slowness abissale della titletrack in cui – ma non li troviamo solo qui – prendono forma alcuni panorami cosmici di scuola Slowdive.

Otto tracce prodotte da Jack Shirley per poco più di mezz’ora di granitico spleen senza via d’uscita. Non una prova destinata a rimanere e probabile disco di transaizione che riesce però a mantere viva l’attenzione nei confronti di una band potenzialmente all’altezza – nel migliore dei casi – di tirare fuori dal cilindro il grande album, sebbene ad oggi non sembri in grado di effettuare il cambio di marcia decisivo.

12 Settembre 2014
Leggi tutto
Precedente
Veronica And The Red Wine Serenaders – The Mexican Dress Veronica And The Red Wine Serenaders – The Mexican Dress
Successivo
U2 – Songs Of Innocence U2 – Songs Of Innocence

album

album

recensione

articolo

Punti di (ri)partenza. Intervista a Rachel Goswell degli Slowdive

Intervista

Abbiamo incontrato Rachel Goswell degli Slowdive per discutere di musica passata, presente e futura, dei rapporti interni con la band, di es...

recensione

artista

Altre notizie suggerite