Album

King Of The Opera

Nowhere Blues

15 Gennaio 2020 psych blues electronica

In uscita il 15 gennaio 2020 via A Buzz Supreme, a ben otto anni di distanza dal suo predecessore Nothing OutstandingNowhere Blues è il secondo album targato King Of The Opera, il progetto musicale del chitarrista e cantante toscano Alberto Mariotti, in precedenza attivo come Samuel Katarro (con due ottimi album, Beach Party e The Halfduck Mystery, e un live all’attivo). Nel mezzo, infatti, tra 2014 e 2016, avevano visto la luce soltanto un EP e un disco di cover.

Se il titolo del lavoro – registrato quasi del tutto in casa e suonato quasi del tutto per conto proprio – è un tributo ai bluesmen afroamericani del primo dopoguerra, che dedicavano i loro pezzi alla città dove erano stati composti, qui la direzione è lo spazio, ovvero una galassia lontana o più metaforicamente “il luogo dei sogni”. In scaletta trovano spazio sette brani, spesso estesi in disorientante flusso di coscienza, che partendo dall’abituale songwriting pysch-blues sperimentano in un’inedita direzione elettronica con sequencer, campioni, synth e via discorrendo. Non è un caso che la traccia conclusiva, Places, sia stata arrangiata assieme agli ospiti /handlogic. La nuova band a supporto di Mariotti è costituita da Andrea Carboni (tastiere, programmazione, voce) ed Elia Ciuffini (batteria, percussioni).

«L’idea che mi ha portato a scrivere le canzoni di Nowhere Blues nasce da una mia piccola curiosità: cosa succederebbe oggi, dopo 10 anni, se provassi a comporre qualcosa di simile alle prime cose di Samuel Katarro? Cosa succederebbe se tentassi di imitare la scrittura e le atmosfere del mio primo disco Beach Party? Cosa accadrebbe nella mia testa se tornassi anche solo per un attimo a far vista a quei luoghi? Quei luoghi non esistono più, nemmeno dentro di me. Si sono trasformati e hanno perso la loro forma originaria, hanno assunto confini indistinti e impalpabili come se qualcuno o qualcosa li avesse definitivamente cancellati dalle mappe geografiche. Il nuovo approdo è un mondo senza nome, un non luogo, un “nowhere” appunto, tutto da esplorare e definire. Così ho indossato la tuta da astronauta e sono partito per vedere cosa c’era. Era arrivato il momento di iniziare a raccontare le cose da una prospettiva completamente diversa e per me ancora sconosciuta».

Tracklist
Ascolta
Spotify
Voti
Amazon
Discografia
Vota
  • 1 Monsters In The Heart
  • 2 I'm In Love
  • 3 Nowhere Blues
  • 4 Never Seen An Angel
  • 5 Find Me
  • 6 The Final Scene
  • 7 Places

I più ascoltati