Run The Jewels 4
Giu
03
2020

Run The Jewels

Run The Jewels 4

BMG

Hip hop
Precedente
The Primitive Painter The Primitive Painter - The Primitive Painter
Successivo
Starz Yung Lean - Starz

Info

Esce il 5 giugno 2020 – via Jewel Runners / RBC Records / BMG – il quarto capitolo discografico del duo formato da El-P e Killer Mike. Intitolato, come gli episodi precedenti, con il loro marchio seguito dal numero progressivo, Run The Jewels 4 comprende 11 brani che il comunicato stampa descrive come i più feroci e calibrati di sempre, ovvero dobbiamo aspettarci la piena potenza di fuoco di cui la coppia dispone, assieme un altrettanto tagliente commentario formato da rime, barre e strofe al fulmicotone.

Come è noto, il disco è stato registrato nel corso di due anni di session svoltesi sia negli studi di Rick Rubin, gli Shangri-La Studios, sia agli Electric Lady Studios di New York City. Tanti gli ospiti, tutti di primo livello: si va da Pharrell Williams a Mavis Staples, da 2 Chainz a Zack de la Rocha, fino a Josh Homme, DJ Premier e Greg Nice. Quest’ultimi due li abbiamo già incontrati nel secondo singolo estratto dal disco, ooh la la, pezzo che contiene campioni di un classico boom bap – DWYCK dei Gang Starr di Dj Premier e del compianto Guru del 1994; del brano è stato inoltre estratto un videoclip girato da Brian & Vanessa Beletic giusto prima della pandemia, in cui, tra le comparse (lato pubblico) troviamo lo stesso De La Rocha. In precedenza, El-P e Killer Mike hanno condiviso yankee and the brave (ep.4), di fatto il primo estratto dell’album, carburante ad alto numero di ottani che riprende il piglio Hip Hop militante dei Public Enemy conferendogli un tocco di bassi e industrial-tronica tutto contemporaneo.

Su SA trovate le recensioni dei tre album precedenti pubblicati dal duo hip-hop statunitense, intitolati semplicemente Run The Jewels (2013), Run The Jewels 2 (2014) e Run The Jewels 3 (2016), e potete rileggervi le prodezze della formazione dagli esordi al terzo lavoro sulla lunga distanza. I Run The Jewels avrebbero dovuto far da spalla ai Rage Against the Machine per un tour in partenza a fine mese ma poi è arrivato il Coronavirus a scompaginare i loro piani (e di certo non solo i loro).

di Edoardo Bridda

Altre notizie suggerite