Lucio Battisti batte Tommaso Paradiso in streaming: “29 settembre” e “Non è Francesca” le più ascoltate

Neanche ventiquattr’ore dopo la diffusione in streaming del catalogo di Lucio Battisti e Mogol è già tempo delle prime classifiche, nello specifico quella dei brani più ascoltati del cantautore di Poggio Bustone nella sua prima giornata su Spotify. A guidare la classifica, finora, c’è 29 settembre (390mila ascolti), che coincide curiosamente con la storica data di diffusione sulle piattaforme di streaming della sua musica, seguita a ruota da Non è Francesca (313mila ascolti), mentre grandi classici come Emozioni (55mila), Il mio canto libero (105mila), Una donna per amico (41mila ascolti) e Con il nastro rosa (56mila) sono più indietro.

Per darvi un’ulteriore idea della portata dell’arrivo di Battisti in streaming basti dire che il brano che ha totalizzato maggiori ascolti nella giornata di ieri è stato Pookie di Aya Nakamura e Capo Plaza con 430mila accessi (appena 40mila in più rispetto alla succitata 29 settembre). Se poi Google Play e Amazon Music non hanno classifiche aggiornate, iTunes ha invece 10 album di Battisti nelle prime 10 posizioni dei più venduti, e sei canzoni nella top 10: a guidare quest’ultima classifica c’è il brano La canzone del sole, davanti persino alla nuova Non avere paura di Tommaso Paradiso

Ricordiamo che lo scorso 27 settembre è stata pubblicata la raccolta Masters Vol. 2 e che recentemente era stata lanciata una petizione proprio per la diffusione in streaming digitale del catalogo di Battisti. Sulle nostre pagine trovate la recensione di Paradiso (Lucio Battisti Songbook), album di cover curato da Mina, uscito lo scorso 30 novembre, e di Cosa succederà alla ragazza, a cura di Stefano Solventi.

30 Settembre 2019 di Davide Cantire
Leggi tutto
Precedente
Jennifer Lopez e Shakira si esibiranno sul palco del Superbowl Jennifer Lopez e Shakira si esibiranno sul palco del Superbowl
Successivo
Minù annuncia la nuova stagione al Circolo degli Illuminati di Roma Minù annuncia la nuova stagione al Circolo degli Illuminati di Roma

recensione

recensione

artista

Altre notizie suggerite