McCartney sulle strisce di Abbey Road al contrario

Sarà che dopo quasi cinquant’anni la memoria può far cilecca. O che dopo aver attraversato in un senso, Paul McCartney abbia voluto provare l’ebbrezza di tornare sui suoi passi. Fatto sta che il Macca il celebre passaggio sulle strisce di Abbey Road lunedì 23 luglio l’ha compiuto al contrario. E da solo, a differenza della leggendaria foto in copertina del disco dei Beatles datato 1969, poichè l’artista era lì per un evento promozionale legato al suo nuovo album in studio Egypt Station, in arrivo a settembre, vale a dire un concerto a sorpresa per pochi intimi tenuto nei famosissimi studi londinesi che sorgono lì di fronte.

Sir Paul si è fatto immortalare sulle celebri strisce pedonali camminando da destra verso sinistra e non in direzione opposta, come “ortodossia pop” vorrebbe. E se la foto del ’69 voleva simbolicamente rappresentare la band nell’atto di allontanarsi dallo studio di registrazione, nel nuovo scatto Paul sembrerebbe voler dire: «Eccomi, sto tornando».

Un altro particolare, però, ha destato curiosità. Mentre nella foto di allora lui era l’unico scalzo (mentre gli altri tre indossavano scarpe), stavolta si è messo un paio di sandali. Detto questo, una volta attraversata la strada il Nostro ha imboccato gli studi per tenervi un concerto di una ventina di canzoni, alcune tratte dal repertorio dei Beatles e altre dalla sua carriera solista, incluse le nuove Confidante, For You e Come On To Me (quest’ultima già pubblicata in anteprima, insieme a I Don’t Know. Entrambi i nuovi brani potete ascoltarli dalla nostra pagina dedicata al nuovo disco, e Come On To Me direttamente dal link a fine articolo), che troveremo a settembre nel succitato Egypt Station.

Ricordiamo che il 17 luglio è stato il cinquantesimo anniversario dell’uscita nelle sale del film Yellow Submarine, ricorrenza celebrata con la pubblicazione dell’omonimo picture disc, mentre su SA trovate – oltre a un bel monografico sui Fab Four a firma Alessandro Pogliani – la recensione di New e dei precedenti lavori di Sir Paul contenuti nello storico.

24 Luglio 2018 di Valerio Di Marco
Leggi tutto
Egypt Station
Set
07
2018

Paul McCartney

Egypt Station

  • Opening Station
  • I Don’t Know
  • Come On To Me
  • Happy With you
  • Who Cares
  • Fuh You
  • Confidante People
  • Want Peace
  • Hand In Hand
  • Dominoes
  • Back In Brazil
  • Do It Now
  • Caesar Rock
  • Despite Repeated Warnings
  • Station II
  • Hunt You Down/Naked/C-Link
continua
Tour di Paul McCartney Tutto il tour
  • Giu
    10
    2020
    Napoli (NA)
    Piazza del Plebiscito di Napoli
  • Giu
    13
    2020
    Lucca (LU)
    Mura di Lucca – Viale Carducci
Precedente
Kevin Parker parla del nuovo album dei Tame Impala (e i Pond condividono “Burnt Out Star”) Kevin Parker parla del nuovo album dei Tame Impala (e i Pond condividono “Burnt Out Star”)
Successivo
Arctic Monkeys. La performance di “The Ultracheese” da Colbert e nuovo look per Alex Turner Arctic Monkeys. La performance di “The Ultracheese” da Colbert e nuovo look per Alex Turner

recensione

Paul McCartney

Chaos And Creation In The Back Yard

recensione

recensione

recensione

recensione

recensione

recensione

artista

recensione

Altre notizie suggerite