• Gen
    27
    2015

Album

Modular

Add to Flipboard Magazine.

Ogni tanto vale la pena ricordare che i Pond sono sostanzialmente i Tame Impala, con Kevin Parker in veste di gregario di lusso. Dico questo perché negli ultimi due album le posizioni delle due band (leggi il songwriting di Parker e quello degli amici) si era andato pericolosamente sovrapponendo, senza che questi ultimi fossero riusciti a clonare la vena pop visionaria degli Impala. Senza la disciplina e la lungirmiranza di uno come Parker, l’astronave Pond è andata placidamente alla deriva per due album che hanno dato libero sfogo all’estro anarchico di Nick Albrook e Jay Watson.

Non che Hobo Rocket o Beard, Wives, Denim fossero brutti lavori. Solo mettevano in scena l’anima più freak del collettivo di Perth, perdendosi in un rimuginare lisergico fascinoso, ma privo dell’efficacia e dell’appeal pop sfoderata sull’ottimo Frond (quello che al momento resta il miglior lavoro del quartetto). Ecco perché c’è da salutare con gioia il fatto che Albrook e soci abbiano messo da parte i cazzeggi nelle fattorie adibite a studio e si siano concentrati su brani visionari ma meno dispersivi, su una produzione colorata che perde la patina 70s e si riveste di cromatismi electropop.

Diviso fra deliqui cinematici (Heroic Shart) e brani che recuperano il groove dei tempi migliori (Outside Is The Right Side), Man It Feels Like Space Again non perde mai la bussola della melodia (quasi sempre languida e virata glam). L’orizzonte retrospettivo si è spostato verso gli anni ’80, anche se non mancano le ballate lennoniane (Medicine Hat) o i Pink Floyd in salsa yatch rock (Waiting Around for Grace). Tutti elementi che hanno portato ad un naturale paragone con Ariel Pink, con la differenza che i Pond sono molto meno “meta” rispetto al menestrello californiano. Quando quest’ultimo si lascia andare al suo ipercitazionismo finisce sempre per parlare d’altro. Quasi sempre di se stesso. Albrook e soci sono invece concentrati sulle stelle e sul modo di raggiungerle restando comodamente adagiati in poltrona.

22 Febbraio 2015
Leggi tutto
Precedente
Drake – If You’re Reading This, It’s Too Late Drake – If You’re Reading This, It’s Too Late
Successivo
Pere Ubu @ Bronson 21 febbraio 2015 Pere Ubu @ Bronson 21 febbraio 2015

album

Pond

Man It Feels Like Space Again

recensione

recensione

recensione

concerto

concerto

concerto

artista

Altre notizie suggerite