Editors – Frankenstein

Tutti i video di Editors
Precedente
The Cranberries – Wake Me When It’s Over The Cranberries - The Cranberries – Wake Me When It’s Over
Successivo
Caroline Polachek – Door Caroline Polachek - Caroline Polachek – Door

Info

A distanza di una settimana dalla sua condivisione audio, arriva il videoclip relativo a Frankenstein, il nuovo singolo degli Editors che arriva a un mese di distanza dalle Blanck Mass Sections (una versione alternativa dell’ultimo album Violence).

Il video, diretto da Greg Ohrel, nominato ai Grammy nel 2017 e vincitore ai Latin Grammy nel 2018, è una moderna rivisitazione del classico Frankenstein di Mary Shelley e segue un poliziotto nella sua giornata tipo che si divide tra mondanità e violenza. L’unica cosa che lo distrae dalla sua routine è la passione per le coreografie di una popstar da poco deceduta. Decide di riportarla in vita, riesumandone il corpo e riprendendo le coreografie con il cadavere. Trascorre con la sua donna zombie momenti molto felici, e pian piano le loro coreografie iniziano a scandire le sue giornate. Sfortunatamente, lei riprende conoscenza e lui è costretto a fare la scelta più difficile della sua vita. 

«Siamo stati molto fortunati a lavorare a questo progetto con gli Editors, ci hanno sempre sostenuti – rivela il regista e il suo team – un’idea folle come questa funziona solo se ci credi davvero, e loro lo hanno fatto. In questo video vedete quanto lontano possa arrivare l’ossessione dei fan, l’abbiamo portata all’estremo e poi fatta sfociare nell’assurdo!». Il brano, che nelle parole di Tom Smith «parla della gioia e della voglia di fuggire – per i folli, i diversi e per la notte», precede un’estate molto impegnativa per la band, che calcherà i palchi di moltissimi festival tra cui l’Home di Mestre. Di recente la formazione si è esibita all’interno del Medimex di Taranto e al Firenze Rocks.

Su SA potete rileggere le recensioni della discografia della formazione, inclusa quella relativa alle sopracitate Blanck Mass Sections, firmata da Fernando Rennis.

di Edoardo Bridda

Altre notizie suggerite