Sharon Van Etten

Sharon Van Etten è una cantautrice statunitense originaria di Clinton, New Jersey. Il suo è un songwriting di matrice folk tradizionale, con canzoni che in principio si basano sul solo intreccio di acustica e voce. Quest’ultima è caratterizzata da una fragilità di fondo in grado di rendere la scrittura dell’artista autentica, introspettiva, e, come racconta lei stessa, molto sofferta. Un percorso che, fin dai primi demo autoprodotti, l’ha vista inserirsi nella scena female folk degli anni ’10, assieme a Cat Power, Jana Hunter, Marissa Nadler, Mariee Sioux e Alela Diane (con chiari riferimenti al folk-rock dei Fleetwood Mac), ma anche comparire, nei panni di attrice in erba, nella serie Netflix OA.

Tra gli album da segnalare in discografia Epic (una versione più urbana ma pure scolorita di Alela Diane), Tramp, con la produzione di Aaron Dessner dei National, che ne segna l’ingresso nel roster Jagjaguwar (una tela bianca su cui la sua voce ieratica disegna arabeschi e modula sentimenti lividi) e Are We There (un’inquadratura più spigliata, ma non certo meno emozionale). Remind Me Tomorrow, prodotto dal noto John Congleton, e scritto in solitudine mentre era incinta, è il disco che segna lo sdoganamento presso il grande pubblico statunitense. Il lavoro, autobiografico a tutto tondo, è caratterizzato da una svolta velatamente elettronica ma anche da pezzi rockettari à la Springsteen come l’ormai classica Seventeen.
Amazon
Discografia
News
Articoli