Voices From The Lake (IT)

Biografia

Il progetto Voices From The Lake nasce dalla collaborazione tra Donato Scaramuzza, aka Donato Dozzy, e Giuseppe Tillieci, aka Neel. I due, amici fin dai primi anni Duemila, si sono ritrovati a sperimentare insieme una decina d’anni dopo, mettendo a frutto, in un territorio di condivise  affinità musicali, le rispettive qualità specifiche (la vasta esperienza di “Professor” Dozzy, maturata in decenni di deejaying e produzioni in ambito techno, e la padronanza della scienza del suono di Neel, apprezzato mastering engineer oltre che DJ e musicista).

Lo sbocco ufficiale del progetto nasce per caso nel 2011, a seguito dell’ostinazione di Tom Bonaty della Prologue (label basata a Monaco di Baviera) che, dopo aver ascoltato una traccia realizzata dal duo, vuole assolutamente produrre un loro disco. Per l’esordio, l’EP Silent Drops, Dozzy e Neel scelgono di utilizzare il nome che Giuseppe aveva dato ad un suo mix realizzato l’anno prima (e reso noto online dal cult blog mnml ssgs), realizzato a seguito della festa di matrimonio di Donato sul lago di Sabaudia. Voices From The Lake è quindi un nome molto personale, segno del forte legame di amicizia tra i due (malgrado la differenza di età: Dozzy è del 1970, Neel del 1982).  Nel settembre del 2011 si esibiscono al festival giapponese Labyrinth. L’album Voices From The Lake, pubblicato sempre dalla Prologue nel febbraio del 2012, rappresenta il culmine del processo di maturazione e sancisce il successo della loro proposta: il disco viene inserito da Resident Advisor tra i migliori cinque album dell’anno. Nel 2013 esce per Concrete Records il 12” 531 KHz, mentre l’anno successivo l’emanazione discografica del Bunker di New York pubblica l’EP Velo di Maya, che condensa in tre tracce un set di sei ore ospitato nel 2012 dal Public Assembly di Brooklyn: “un disco veloce ma concentrato, che promette bene per un nuovo incontro di due delle più interessanti menti del panorama electro-ambient-techno in circolazione” (M.Braggion).  A giugno del 2015 il duo si esibisce al Sonar Festival e pubblica, per Editions Mego, l’album Live At MAXXI, contenente la registrazione del set proposto il 25 ottobre 2014 al Museo nazionale delle Arti del XXI Secolo di Roma, dove “non si trova techno (…) ma casomai téchne (τέχνη): perizia tecnica, maestria artigianale nella tessitura sonora e nella cura dei dettagli, confermate tra le doti migliori dei VFTL” (come recita la nostra recensione).

Il 1° febbraio 2016 esce per la Time To Express di Peter Van Hoesen il 12″ Stealth 2/3 (in split con Wata Igarashi, contenente la traccia futur-tribal Zulu Vortex. Il 16 marzo vede la luce il primo EP della neonata Spazio Disponibile, label fondata da Dozzy & Neel: Secondo Tempo contiene, oltre al brano omonimo, le tracce Ibrida e 258.

 

Leggi tutto

Altre notizie suggerite