• Mag
    06
    2016

Album

XL

Add to Flipboard Magazine.

È arrivato il tempo di un esordio ufficiale anche per Kaytranada, uno dei nomi più caldi tra i must watch emersi dal web e da tenere monitorati perchè in odore di grandi cose. Scoperto grazie ad un prolificissimo account Soundcloud e giunto alla notorietà grazie ad un remix di If di Janet Jackson in cui già lasciava intravedere una squisita propensione per la creazione di groove funkeggianti a base di bassoni spessi e synth plasticosi, 99,9% esce ora per XL Recordings con una discreta dose di hype alle spalle. Disco generoso, che evita di degenerare nella prolissità (Drizzy docet) – 15 tracce con minutaggi onesti – e schiera in scaletta una significativa quantità di ospiti che spaziano equamente da illustri sconosciuti a nomi ben più blasonati di quello del padrone di casa (Vic Mensa, AlunaGeorge, Anderson .Paak, Syd dai The Internet). Presenze che confermano quanto la fiducia riposta in quest’uscita fosse direttamente proporzionale all’attesa (ingannata anche con una comparsata nel nuovo di Katy B), e ad ascolto terminato possiamo dire che entrambe sono state ripagate.

L’album si muove su un terreno al confine tra molte cose: ci sono il funk e l’r&b più ortodossi (You’re the One), l’house che lo porta in zona da club ma senza relegarvelo esclusivamente (Vivid Dreams), e una vaga ruvidezza di fondo che aggiunge un lontano sapore casereccio al tutto: il materiale è amalgamato, così da creare un abstract hip hop jazzato post-FlyLo filtrato dal diligente studio di J Dilla, ma anche da riprendere il wonky della prima Brainfeeder. Il tutto ha però il grande merito di non suonare come il classico “compitino” ben eseguito da uno zelante studente ossequiosamente manierista, ma di sapersi già porre su un piano personale, sicuramente derivativo ma nondimeno peculiarmente affascinante. Quando poi l’ospitata di turno è affidata a garanzie come Anderson .Paak, il mini-capolavoro è dietro l’angolo (Glowed Up, da non perdere anche il relativo, dolcemente psichedelico, video diretto da Bo Mirosseni).

11 Maggio 2016
Leggi tutto
Precedente
Plants – Tales From The Space Echo
Successivo
Radiohead – A Moon Shaped Pool Radiohead – A Moon Shaped Pool

album

recensione

recensione

recensione

recensione

artista

Altre notizie suggerite