Recensioni

6.4

Metti insieme il rapper (?) preferito dello studente universitario sgamato il giusto e il produttore della Dark Polo Gang – almeno è così che lo conoscono i più – e che ne esce? A sentire i due, un album partorito in cameretta grazie a una proficua orgia di idee, tra strumentisti “veri” e due approcci complementari. Qualcuno ha addirittura tirato fuori il sempre vituperato «sperimentale». Nulla di tutto ciò. Quella licenziata dall’inedito duo resta una music for the masses nell’accezione comunque più positiva del termine. Sick Luke sciorina una palette di riferimenti pop variegati e tutti adeguatamente attuali, mentre Mecna fa il Mecna, bypassando un poco più del solito i consueti languori intimisti e sul depressivo andante. Il risultato è un centro per entrambi: il producer si palesa definitivamente come appetibile su un circuito più pop e papabilmente mainstream (d’altronde, perché Charlie Charles sì e lui no?), mentre il Mecna allarga il suo bacino di fruitori ai fan di Sick Luke, non necessariamente limitrofi ai suoi. 

Produzioni ben assortite dicevamo: Fuori dalla Città apre con un saliscendi spiraliforme di synth tra placidezze ambientali e impennate modulari; poi nella title track arrivano sfoglie più attuali con produzioni da heavy-rotation autoriale (passatecela) à la Cashmere Cat; poi è il turno delle scie da Kanye altezza orsacchiotti (Si Baciano Tutti ha un beat che potrebbe tranquillamente essere uscito da The College Dropout), delle languide chitarrine à la primo Shlohmo (o Yakamoto Kotzuga, fate vobis) di Se Apro gli Occhi, Perdo la Testa e Non Dormo Mai, eccetera.

Insomma si va sul sicuro, su un pop radio-friendly il giusto che osa poco ma nel suo rifiuto di prendersi qualsiasi tipo di rischio funziona comunque molto bene. Ci sono chicche sparse qua e là – dal coro gospel di Canzone in Lacrime alla strofa di Tedua in Non Dormo Mai – e Mecna si conferma una penna non eccezionale ma sempre calzante nel trovare ritornelli dalle melodie efficaci e non troppo scontate. Se vi era piaciuto il tandem Rkomi ed Elisa (o peggio, Jovanotti), questa è la seconda stagione. Un pochino meglio, dai.

Voti
Amazon

Ti potrebbe interessare

Le più lette