Jeff Tweedy. Still da "Gwendolyn" (2020). Regia: James Fleischel

I molteplici sorrisi di Jeff Tweedy nel videoclip di “Gwendolyn”

Dopo la title-track Love is the King e la successiva Guess Again, Gwendolyn è il terzo brano estratto da Love is The King, il quarto album da solista di Jeff Tweedy disponibile in digitale dal 23 ottobre 2020 via dBpm (in versione fisica dal 15 gennaio 2012). Il disco arriva a poco più di un anno dal precedente Warmer (2019) e nasce dall’esigenza del cantautore (frontman degli Wilco) di auto-calmarsi dopo l’inizio dell’emergenza coronavirus.

All’inizio del lockdown ho iniziato a scrivere delle canzoni country per consolarmi. Folk e country sono forme di canzone che mi arrivano molto facilmente e in una maniera confortante.
Jeff Tweedy

Diretto da James Fleischel, il videoclip di Gwendolyn ironizza sull’impossibilità di capire che tipo di sorriso ci sia dietro una mascherina. All’inizio vediamo Tweedy prepararsi per le riprese, con la mascherina indossata. Una volta tolta, cominciano ad alternarsi una serie di bocche appartamenti a vari special guest: Jon Hamm, Fred Armisen, Seth Meyers, Courtney Barnett, Alex Winter, Nick Offerman, Abbi Jacobson, Tavi Gevinson, Jeff Garlin, Robyn Hitchcock, Jay Som, Norah Jones e altri.

Su SA, nella pagina dedicata, potete recuperare lo streaming della discografia di Jeff Tweedy, oltre alla recensione dell’album del 2018 Warm, scritta da Valerio di Marco, e quella del precedente Together At Last (2017), firmata da Carmine Vitale. Ricordiamo inoltre che i Wilco a maggio hanno presentato l’inedito Tell Your Friends. Sempre per quanto riguarda la band statunitense, su SA trovate un’introduzione che la riguarda, ma anche la recensione dall’ultimo album Ode To Joy, oltre a quelle dei classici A Ghost Is Born e di Yankee Hotel Foxtrot.