Lust For Youth (SE)

Biografia

Nato come duo male/female formato da Amanda Eriksson e Hannes Norrvide e sviluppatosi nelle melme post-industrial/goth/electro scandinave, il giro Utmarken, ad esempio, i Lust For Youth sono divenuti subito dopo le prime prove carbonare spesso in formato cassetta e l’esordio lungo Solar Flare, il progetto in solo di Norrvide. L’ingresso prima come collaboratore e poi come membro ufficiale di Loke Rahbek (Croatian Amor, Vår) ha via via spostato l’asse del progetto, mantenendolo sempre sulle coordinate di una synth-wave algida e nordica nel suo essere glaciale, che è però divenuta meno cold e legata ad asperità di natura industrial, meno cupa e notturna. “Sembra una rivisitazione in chiave dark-goth con ampi passaggi quasi ambient.rumoristi e atmosfere industrial-beat non del tutto opprimenti“, si affermava in sede di recensione.

Il percorso iniziato con Growing Seeds, nomen omen, per la nostra Avant! Records (“un passo deciso, insomma, che sposta l’asse del progetto in maniera evidente“, si diceva), ha segnato l’approdo su Sacred Bones e un ammorbidimento delle atmosfere transitate verso un synth-pop prima accennato, con il precedente Perfect View (disco a metà del guadotra l’oscurità che fu e le mire commerciali che saranno“). International, pubblicato il 10 giugno 2014, sempre su Sacred Bones, sposa definitivamente quest’ultimo immaginario ammiccando tanto ai New Order quanto ai Cold Cave, passando per O.M.D., primi Depeche Mode, Pet Shop Boys e Human League. “Se all’epoca “dark” poteva risultare una versione in nero delle tendenze hypna, ora la formula indietreggia in una sorta di revival compiuto e concluso su un immaginario e su un suono, più che su un periodo vero e proprio“, si afferma in sede di recensione.

Leggi tutto

Altre notizie suggerite