Primavera Sound 2015

Dal 28 Maggio al 30 Maggio 2015

Precedente
Snowbombing 2015 Snowbombing 2015
Successivo
KOLLAPS #2 KOLLAPS #2

Info

Dal 28 al 30 maggio 2015 ha avuto luogo, in diverse location di Barcellona, l’annuale edizione del Primavera Sound Festival. Quest’anno, per la sua quindicesima edizione, la manifestazione ha iniziato una campagna promozionale con una collaudata strategia di affissione di manifesti già utilizzata in precedenza (Primavera Sound 2014).

L’11 novembre l’organizzazione e Heineken, che per il terzo anno consecutivo è lo sponsor principale del Festival, hanno annunciato, tramite un enorme cartellone pubblicitario, nell’emblematico Passeig del Born nella capitale catalana, un poster con l’inconfondibile logo della band newyorchese The Strokes. Il fatto che fosse proprio il Primavera Sound a essere dietro all’affissione è stato rivelato durante la serata con un’illuminazione ultravioletta e la comunicazione sui canali ufficiali di rito. Il secondo poster, arrivato una settimana più tardi con un nuovo cartellone, apparso per le vie del quartiere El Born di Barcellona, rivela il nome dei Ride, band di culto neo psichedelica formata nel 1988 da Andy Bell e Mark Gardener inizialmente lanciata dal fermento shoegaze sull’onda dei My Bloody Valentine.

La full line-up del festival è stata rivelata il 21 gennaio 2015 attraverso un’applicazione mobile dedicata, LINE-APP, già scaricabile nei giorni precedenti. Il videogame, contenuto nell’app, che ha annunciato tutti gli artisti è stato inoltre condiviso in streaming sul canale YouTube ufficiale.

Ai primi nomi annunciati, ovvero The Strokes e Ride, l’organizzazione e Heineken (che per il terzo anno di fila è lo sponsor principale del Festival) hanno aggiunto un nutrito elenco di act tra cui SpiritualizedAlt-J, James Blake, Patti Smith con la Band, Einstürzende Neubauten, Belle & SebastianSleater-Kinney, Interpol e Foxygen.

Quest’anno il festival ha puntato molto sul duo americano The Black Keys, sugli Interpol, sui già annunciati Strokes, sul ritorno di Antony and the Johnsons dopo il loro leggendario concerto all’Auditori Fòrum nel 2005, mentre tra le reunion che valgono il festival, oltre ai Ride, c’è sicuramente quella dei Replacements, oltre a quel classico emblema da storia del rock che la manifestazione catalana garantisce in ogni edizione e che quest’anno risponde al nome di Patti Smith: la sacerdotessa del rock proporrà lo storico Horses ma terrà anche un secondo concerto in acustico, oltre a fare uno “spoken word” in una terza performance.

Non potevano mancare, con un nuovo disco pubblicato di recente, gli scozzesi Belle & Sebastian, il toccante songwriting di Perfume Genius, l’iconico Mark Kozelek con il progetto Sun Kil Moon e l’acclamato album Benji (il songwriter proporrà brani anche dall’atteso Universal Themes); sempre indispensabili gli Einstürzende Neubauten (con Blixa ripreso dall’incidente), entusiasmante vedere in line up il fenomeno hip hop Run The Jewels; inoltre, ritornano per la terza volta gli Spiritualized di Jason Pierce, ottima conferma anche per l’Animal Collective Panda Bear, che proporrà l’ultimo album, indispensabile la presenza di Ariel Pink, benvenuti anche i droni di Sun o))) e il post hardcore di Fucked Up, come anche la garage degli immancabili Thee Oh Sees.

Andando sulle selezioni ritmi, afrobeat e composizione, abbiamo Tony Allen, l’inclassificabile proposta di Marc Ribot alla guida dei Ceramic Dog, la proto-elettronica di uno dei pionieri del kraut Hans-Joachim Roedelius, la musica africana dei celebri Les Ambassadeurs (capitanati da Salif Keita), la psichedelia tropicale di Fumaça Preta, l’ensemble Arthur Russell Instrumentals – che mostrerà il lato più contemporaneo della musica dello scomparso artista Arthur Russell – e il Flamenco di Rocío Márquez.

Protagonista anche il rock al femminile con alcune proposte in area Riot Grrrl: la ricomparsa di Kathleen Hanna alla testa delle Julie Ruin, la reunion delle Babes In Toyland, Ex Hex (la band di Mary Rimony) e, naturalmente le Sleater-Kinney, che proporranno l’album No Cities To Love.

L’ala elettronica trova in Jon Hopkins, Richie Hawtin e negli Underworld tre richiesti alfieri, con questi ultimi a proporre per intero Dubnobasswithmyheadman in occasione del suo ventesimo anniversario. Non da meno Andrew Weatherall e Roman Flügel, la certezza live di Caribou, l’house di Dixon, il live del brasiliano Gui Boratto, i Juan MacLean in formato band seguiti dai Simian Mobile Disco, sempre apprezzati dal pubblico dance più allargato.

L’emo, infine, avrà nei Mineral e negli American Football due immancabili band di culto, mentre sul versante psych, a parte Ariel Pink, segnaliamo anche The Ghost of a Saber Tooth Tiger, band guidata da Sean Lennon e dalla modella Charlotte Kemp Muhl, che suonerà in Spagna per la prima volta.

Durante la tre giorni del Primavera Sound, l’Heineken Hidden Stage offirirà una serie di concerti gratuiti, i cui biglietti saranno disponibili al punto informazioni del Parc del Fòrum dalle ore 17:00 di ogni giornata, fino ad esaurimento posti. Il programma di giovedì 28 maggio avrà come headliner la band americana dei Battles, al lavoro su un nuovo album in uscita quest’anno, e i Sierra Leone’s Refugee All Stars, una formazione composta da rifugiati usciti dalla Sierra Leone durante la guerra civile e ora stabili in Guinea. Il giorno successivo saliranno sul palco gli spagnoli Mercromina, una delle più importanti band spagnole della seconda metà degli anni Novanta. Seguiranno nel programma i The Pastels. Domenica 30 maggio si esibiranno i Vaselines e i Mujeres.

Di seguito le foto della nostra inviata Francesca Sara Cauli ai seguenti artisti:

Cinerama, Albert Hammond Jr, OMD, Baxter Dury, Childhood, Benjamin Booker, Denis The Night & The Panic Party, The Replacements, Mikal Cronin, Spiritualized, The Black Keys, James Blake, Andrew Weatherall, José Gonzales, Julian Casablancas & the Voidz, The New Pornographers, Tobias Jesso JR, Damien Rice, Belle & Sebastian, Sleater-Kinney, Ride, Alt j, John Hopkins, Ratatat, DIIV, Torres, American Football, Tori Amos, Foxygen, Interpol, The Strokes, Underworld, Caribou.

primavera sound 2015 line-up

Su SA trovate tutto lo storico dedicato alla manifestazione, comprese le recensioni delle ultime 10 edizioni. Sul sito della manifestazione sono disponibili per l’acquisto biglietti a prezzi scontati.

Leggi tutto

Altre notizie suggerite