Migliori album 2017. La lista dello store Bleep.com

La label londinese Bleep, specializzata in house, techno, elettronica e indie, ha pubblicato la lista dei migliori dieci album del 2017 secondo il suo staff.

Lo store indipendente Bleep, costola della Warp e specializzato in house, techno, elettronica e indie, ha pubblicato sul suo sito ufficiale la lista dei migliori dieci album del 2017 secondo il suo staff. Al primo posto, figura un disco che, anche da queste parti, abbiamo elogiato, ovvero Black Origami della statunitense Jlindefinito dal nostro Edoardo Bridda «un ascolto intensissimo, che muove giant steps fuori dal ghetto per trovare le sue aderenze con un jazz visceralmente afro(americano) dalle parti dell’Agharta di Davis (o da quelle di certo Jeff Mills)».

Per Bleep, «il profilo di Jlin – si legge nella descrizione – si è sviluppato in nuove aree al di fuori dei più tradizionali ambienti della clubbing music, nonostante alcuni potrebbero tentare di incasellarla all’interno di questo ambito. Il suo secondo album, Black Origami, ha rappresentato il raggiungimento di un traguardo. Non solo ha confermato la posizione eclettica dell’artista all’interno della musica elettronica, ma ci ha anche consegnato la più incredibile e avvincente uscita del 2017».

Nella lista, anche Poly-ana di Brainwaltzera che, secondo la label, «è indicativo di una rinascita nel 2017 dell’elettronica braindance». Di seguito la top 10 stilata da Bleep, mentre sulle nostre pagine, a proposito di Jlin, oltre alla recensione di Edoardo Bridda relativa a Black Origami, trovate un’intervista con la producer curata da Nicolò Arpinati.

 

Tracklist
  • 1 Black Origami
  • 2 Enigma
  • 3 Kyanite
  • 4 Holy Child
  • 5 Nyakinyua Rise
  • 6 Hatshepsut
  • 7 Calcination
  • 8 Carbon 7 (161)
  • 9 Nandi
  • 10 1%
  • 11 Never Created, Never Destroyed
  • 12 Challenge (To Be Continued)
Jlin
Black Origami