Recensioni

6.5

Di notizie dal pianeta Jennifer Gentle non se ne avevano ormai da tempo immemore. L’ultimo lavoro in studio (se si escludono le folli astrazioni di Concentric) è The Midnight Room del 2007 e, per i tempi attuali, equivale più o meno alla preistoria. Al contrario, andando a spulciare tra le attività del deus ex-machina e ultimo superstite della band originale Marco Fasolo, lo si trova ben presente nel panorama nazionale in veste di musicista e producer (Verdena, I hate my village, BSBE) e internazionale (per Sub Pop con il progetto Universal Daughters). Il ritorno è affidato a un album eponimo che, proprio a causa della lunga attesa, ha creato le aspettative del lavoro capitale e ha aperto due scenari opposti ma altrettanto validi: rigenerazione artistica o testamento? Qualche mese fa lo stesso Fasolo in un’intervista definiva a chiare lettere cosa fosse per lui un’opera senza tempo, ovvero una cosa che sa «essere ciò che deve» («Una persona può fare un capolavoro quando sa bene chi è e cosa vuole, e quando riesce a trovare un modo, anche se non in maniera perfetta, per creare uno specchio di quella cosa nella realtà»).

Probabilmente il progetto Jennifer Gentle è ancora alla ricerca di quel posto nel mondo definito e autodeterminato, poiché ciò che emerge dalle diciassette tracce è una rielaborazione studiata, organica e ragionata delle maggiori influenze della band e anche, di conseguenza, un lavoro enciclopedico che pesca all’interno di venti anni di carriera. C’è l’amore per i Swinging Sixties (Beautiful girl, Do you hear me now?, What in the world) con i Kinks e i Beatles a far sempre capolino, ci sono gli omaggi a Queen e Pink Floyd (Just because, More than ever) e la quota 80s, tra industrial e Depeche Mode (My inner self) ma anche Grandaddy, Spiritualized e la lista potrebbe continuare. Insomma tanti pezzi diversi a comporre un mosaico liquido, volatile, di cui si fa fatica a fissare momenti singoli e che comincia a funzionare come corpus (forse) solo dopo molti ascolti: è la vittoria delle individualità, la sfilata delle esperienze singole (quella di Marco Fasolo compresa) come fossero abiti da Carnaby Street a scapito di una trama complessa, di un concept, di un output attraversato da un fil rouge. A rendere ampiamente sufficiente questo disco contribuisce in maniera decisiva la maniacale attenzione a sound e missaggio, ma viene praticamente naturale chiedersi quanto questo album rappresenti l’addio al progetto Jennifer Gentle e, come naturale conseguenza, il passepartout verso un next level artistico per Marco Fasolo.

Voti
Amazon

Ti potrebbe interessare

Le più lette