Frank Ocean. Ricapitoliamo il 2017 dell’autore di “Blonde” in attesa di un suo ritorno discografico

Frank Ocean. Ricapitoliamo il 2017 dell'autore di “Blonde” in attesa di un suo ritorno discografico (che a quanto pare è vicino)

Sarà un buon anno per Frank Ocean, o perlomeno i presupposti sembrano (ri)confermarsi quelli. Attraverso un criptico post condiviso sulla sua bacheca Tumblr, in cui vediamo ritratto un non ben identificato ragazzo con indosso un cappello con la scritta «If You Liked 2017, You’ll Love 2018» (e l’altrettanto misteriosa didascalia recante «new 18-99»), il cantautore statunitense sembra ribadire l’ipotesi di un nuovo lavoro dopo un anno trascorso intensamente tra collaborazioni, inediti e live performance. A dire il vero, sarebbe il secondo indizio fornito dal cantante dopo le affermazioni dello scorso novembre, sempre via Tumblr, in cui apprendevamo di un disco «fatto prima di compiere 30 anni» in attesa di pubblicazione.

Vi terremo aggiornati, nel frattempo è giusto mettere un po’ di ordine ricapitolando il vigoroso 2017 del musicista a partire dallo scorso dicembre, mese in cui lo abbiamo visto comparire tra i featurer del nuovo lavoro dei N.E.R.D., No_One Ever Really Dies, e curare la stazione radio blonded Los Santos 97.8 FM presente nel nuovo aggiornamento del videogioco Grand Theft Auto Online. La prima parte dell’anno lo aveva visto impegnato in un programma radio mensile, Blonded Radiosu Beats 1, una piattaforma ideale per la condivisione di tanta musica vecchia e nuova, ma anche per la condivisione di inediti, alt take e collaborazioni, tra cui ricordiamo le tracce Provider (il brano con i riferimenti a Aphex Twin) e Lens, la versione solista di BikingRAF, brano di A$AP Rocky che lo ha visto tra i feat. assieme a Quavo e Lil Uzi Vert.

Sempre a proposito di inediti, a marzo è stato pubblicato Chanel, il primo in questo senso dai tempi di Endless e Blonde, mentre sempre sul fronte collaborazioni il suo nome è comparso assieme ai «Beatles della loro generazione» – i Migos – nel brano di Calvin Harris, Slide, e in quello di Tyler, the Creator, 911/Mr. Non solo, lo scorso anno Ocean è tornato ad esibirsi dal vivo dopo tre anni di stop. Da dimenticare la sua inaspettata cancellazione al Primavera Sound, ma da ricordare c’è senz’altro un’esibizione estiva con tanto di orchestra all’interno del festival svedese Way Out West e lo show a sorpresa, assieme a ASAP Rocky, di Tyler the Creator a New York per la presentazione dell’ultimo – acclamato – album del rapper, Flower Boy.

In attesa di ulteriori novità, anche per quanto riguarda le riprese effettuate dal regista Premio Oscar Spike Jonze durante alcuni suoi live, su SA potete consultare il dettaglio e le recensioni della discografia, compresa quella relativa all’ormai classico Channel Orange e agli ultimi due lavori, Endless e Blonde. Infine, tra gli artisti che lo hanno omaggiato nel 2017 troviamo anche Stormzy, che a marzo ha eseguito una cover di Godspeed da Blonde

Tracklist
  • 1 Start
  • 2 Thinkin Bout You
  • 3 Fertilizer
  • 4 Sierra Leone
  • 5 Sweet Life
  • 6 Not Just Money
  • 7 Super Rich Kids
  • 8 Pilot Jones
  • 9 Crack Rock
  • 10 Pyramids
  • 11 Lost
  • 12 White
  • 13 Monks
  • 14 Bad Religion
  • 15 Pink Matter
  • 16 Forrest Gump
  • 17 End
Frank Ocean
Channel Orange