Justin Vernon prende le distanze dal suo feat. nell’album di Eminem

Ieri a sorpresa è uscito il decimo album di Eminem, Kamikaze, un ritorno in grande forma per il rapper e, assieme, una dura missiva, spedita all’indirizzo della nuova generazione di rappers e trappers contro i quali Marshall Mathers non si è certo risparmiato, sparando a zero praticamente su tutti, da Vince Staples a 21 Savage, passando Migos e praticamente tutti i Lil qualcosa. Tra le invettive – ben raccontate da Roncoroni in sede di recensione – ve n’è una in particolare che ha già fatto scattare il disappunto della fanbase di Justin Vernon, che ha prontamente aperto il proprio profilo Twitter per prenderne pubblicamente le distanze. Si tratta di quella contenuta nel brano Fall che lo vede coinvolto nel ritornello, in cui Em se la prende, tra gli altri, con Tyler The Creator accusandolo, senza mezzi termini, di non aver creato un bel niente («Tyler create nothin’, I see why you called yourself a f****t, bitch»).

«Non ero in studio quando Eminem ha inciso la traccia…. [il featuring] apparteneva a una session che ha visto coinvolti BJ Burton e Mike Will. Non sono un fan del suo messaggio, è banale – spiega Vernon in un tweet – Ho chiesto loro di cambiare il pezzo, ma non volevano farlo». E ancora: «Eminem è uno dei migliori rapper di ogni tempo… …ma questo non è il tempo di criticare le giovani generazioni, è il tempo di ascoltarle, di reagire… avrei voluto che mi avessero ascoltato quando ho chiesto loro di cambiare il pezzo… …mi sono sbagliato e – conclude il songwriter alludendo a ulteriori azioni in merito – «…we are gonna kill this track».

Nel frattempo i Big Red Machine, ovvero il duo composto da Vernon e Aaron Dessner dei National, hanno condiviso 3 nuovi videoclip dal loro omonimo album di debutto pubblicato ieri, venerdì 31 agosto. Di seguito gli streaming. Su SA trovate inoltre le recensioni del sopracitato disco firmato Vernon e Dessner, dell’ultimo album dei Bon Iver, 22, A Million, e di quello di Eminem, recensito da Luca Roncoroni, nonché i nostri approfondimenti su National e il sopracitato progetto di Vernon. Lo scorso giugno, i Big Red Machine hanno composto il tema del podcast “American Fiasco”; il loro disco è stato condiviso su PEOPLE, la piattaforma digitale di proprietà dei due musicisti.

1 Settembre 2018 di Edoardo Bridda
Leggi tutto
Big Red Machine
Ago
31
2018

Big Red Machine

Big Red Machine

  • Deep Green
  • Gratitude
  • Lyla
  • Air Stryp
  • Hymnostic
  • Forest Green
  • OMBD
  • People Lullaby
  • I Won’t Run From It
  • Melt
continua
Precedente
Ufficiale: “A Rainy Day in New York” di Woody Allen cancellato da Amazon Ufficiale: “A Rainy Day in New York” di Woody Allen cancellato da Amazon
Successivo
Venezia 75. I fratelli Coen presentano il loro western antologico, riflessione surreale sull’America di frontiera Venezia 75. I fratelli Coen presentano il loro western antologico, riflessione surreale sull’America di frontiera

recensione

recensione

recensione

recensione

artista

artista

artista

recensione

Altre notizie suggerite