L’appello di Michael Stipe (R.E.M.) sulle regole da ricordare contro il Coronavirus

COVID-19: le raccomandazioni di Michael Stipe.

Dopo aver visto tornare in classifica il loro singolo del 1987 It’s the End of the World as We Know It (And I Feel Fine) e dopo il messaggio di supporto a noi italiani postato sui loro canali social, i R.E.M. tornano a farsi vivi in tema di Coronavirus con un videomessaggio del loro ex frontman Michael Stipe.

Nel video, condiviso via Facebook, Instagram e Twitter nella giornata di San Patrizio, il cantante ha ribadito le regole fondamentali da osservare assolutamente in questi giorni, non prima di aver iniziato il minuto e poco più della versione social del clip (quella integrale è visibile dalle pagine del suo sito) intonando il ritornello della suddetta canzone tratta dall’album Document: «Ci sono quattro regole fondamentali da ricordare – ha detto Stipe -: numero 1) State a casa (ripetuto 4 volte, ndSA). Non uscite se proprio non è importante, se non è un’emergenza; numero 2) Lavatevi le mani – ancora, ancora e ancora – per almeno venti secondi, ogni volta che entrate o uscite di casa; numero 3) Comportatevi come se foste già malati, come se già aveste il virus. State lontani almeno un paio di metri dagli altri, il virus si passa tra le persone; numero 4) La più importante. Attenti a dove prendete informazioni. Fatelo solo dai canali ufficiali. Io sono una popstar, OK, ma non prendete informatevi sui social, bensì solo dal Centro per il Controllo delle Malattie e della Prevenzione (Center for Disease Control and Prevention, ndSA) al sito www.cdc.gov».

L’emergenza COVID-19 ha già portato a misure drastiche negli Stati Uniti, tra cui la chiusura di tutti i locali a New York e la riprogrammazione del Coachella Festival. A proposito di R.E.M. e Michael Stipe, su SA trovate alcune recenti dichiarazioni del vocalist a proposito del suo ritorno solista, del suo ultimo libro e della sua sessualità, e il dettaglio sulla versione celebrativa di Monster, accompagnata da nuove versioni dei brani Let Me In e Revolution. Su queste pagine potete leggere non solo la corposa monografia dedicata alla band e curata da Giulio Pasquali, ma anche la recensione Classic dello stesso Monster, a cura di Stefano Solventi.

Tracklist