Robert Smith. Il 2020 sarà l’anno della nuova musica dei Cure

Se Robert Smith non ha nel frattempo cambiato idea sui tre album ai quali sta lavorando, il prossimo anno sarà quello in cui ascolteremo un bel po’ di “New music” firmata Cure. È quanto ha ribadito il cantante all’interno di una personale lista di fine anno concessa all’Hot Press, in cui alla voce “Hope For Next Year”, compare il buon proposito di pubblicare nuova musica. E sarebbe anche ora dato che dal non indimenticabile 4.13 Dream ad oggi sono passati più di dieci anni.

Quanto al resto, anche il 2019 – come l’anno precedente – è stato per Smith l’anno dei “Summer Festivals” e dei concertoni happening per i quali la band è adorata a livello planetario. È la cosa che gli è piaciuta più fare (vedi anche alla voce miglior momento: “il nostro live a Mexico City”) così come il miglior disco – prevedibilmente – è stato It Won’t Be Like This All The Tim dei Twilight Sad, che si confermano la sua unica (?) band del cuore. Di seguito, il dettaglio dei suoi “best 2019” in cui compare anche The Donald in versione “villain”.

Your Hero of 2019?
The Whistleblower.

Villain of 2019?
Boris Johnson

Best Personal Moment?
Our Mexico City show.

Best Movie?
Apollo 11.

Best Record?
It Won’t Be Like This All The Time by The Twilight Sad
Advertisement

Best TV Programme?
I didn’t watch any TV in 2019?

Best Book?
This Life by Martin Hagglund

Best Thing About 2019?
Summer Festivals.

Your Hope For Next Year?
New music.

What Tickled Your Funnybone?
Laurel and Hardy.

Ricordiamo che quest’anno la band è in tour con numerose date: è stata headliner al Glastonbury 2019 (quarta volta per i Cure sullo storico Pyramid Stage), mentre in Italia l’unico live si è svolto alla Visarno Arena di Firenze. Nel frattempo è uscito The Cure Anniversary 1978-2018. Su SA trovate inoltre le recensioni di 4.13 Dream, Disintegration, PornographyThe Cure.

19 Dicembre 2019 di Edoardo Bridda
Leggi tutto
4.13 Dream
Ott
01
2008

The Cure

4.13 Dream

  • Underneath the Stars
  • The Only One
  • The Reasons Why
  • Freakshow
  • Sirensong
  • The Real Snow White
  • The Hungry Ghost
  • Switch
  • The Perfect Boy
  • This. Here and Now. With You
  • Sleep When I'm Dead
  • The Scream
  • It's Over
continua
Precedente
Twin Peaks, il prossimo aprile la kermesse celebrativa per i 30 anni Twin Peaks, il prossimo aprile la kermesse celebrativa per i 30 anni
Successivo
Julia Holter. Nuova colonna sonora per “Never Rarely Sometimes Always” Julia Holter. Nuova colonna sonora per “Never Rarely Sometimes Always”

recensione

recensione

recensione

artista

recensione

Altre notizie suggerite