Spotify. Alcuni dati riguardo a streaming e download

Approfittiamo del recente – e discusso – annuncio dell’introduzione dei dati streaming all’interno del campione valido per la classifica ufficiale italiana per andare più nel dettaglio, focalizzandoci su quelli che sono i dati del principale servizio di streaming: Spotify.

Prima di entrare nel contesto internazionale ci concentriamo sul mercato italiano: cosa comporterebbe l’introduzione della formula 100 streaming = 1 download?

– La classifica dei singoli (download) è già dominata da artisti stranieri (vedi ultima classifica), non si capisce perchè con l’introduzione dei dati streaming gli artisti italiani dovrebbero rischiare di scomparire.

– Considerato che su Spotify (quindi non rappresentativo del 100% del mercato) mediamente il brano più ascoltato della settimana in Italia ha circa 150.000 plays, questo si tradurrebbe in 1.500 downloads.

– 1.500 downloads in un paese come l’Italia non sono pochi e il loro peso confrontato ai download reali non sarebbe di certo marginale: il brano più scaricato della settimana mediamente registra 5/10.000 downloads digitali a cui si andrebbe quindi ad aggiungere un 20% (1.500, dato destinato ad aumentare con l’aumento dell’utilizzo dello streaming) di plays trasformati in downloads.

– la classifica top-down avrebbe una distribuzione più compatta: nei download digitali la 50° posizione mediamente registra circa l’1/10 dei download della 1° posizione, per quanto riguarda invece gli streaming Spotify la 50° posizione mediamente registra circa 3/10 dei plays della 1° posizione. Di conseguenza più si è alti nella classifica dei download, minore è il beneficio percentuale della trasformazione plays->download, mentre il beneficio aumenta con il diminuire della posizione. Ipotizziamo, ad esempio, che un brano questa settimana sia 50° sia nella classifica download sia nella classifica di Spotify: in media dovrebbe avere circa 750 download e 45.000 plays. Con la formula 100 plays = 1 download si avrebbero 750 downloads reali e ben 450 “virtuali”.

– La classifica potrebbe offrire un metro di giudizio più affidabile sul reale successo, rendendo leggermente meno agile l’utilizzo di alcuni escamotage organizzati da fan club e simili (es. download di massa, anteprime iTunes only) per fare arrivare in alto determinati artisti/brani.

Di seguito, vengono riportate le cifre relative ai plays Spotify – aggiornati al 26 agosto 2014 – di alcuni brani dell’ultimo anno. N.B.: non in tutti i casi lo streaming su Spotify viene reso disponibile in contemporanea con la release fisica/digital download e/o con la clip audio/video su Youtube o Soundcloud, questo ovviamente influenza i valori complessivi.

Partiamo dalla cosiddetta scena “indie” italiana: il 2014 secondo alcuni verrà ricordato come l’anno dello sdoganamento di molti artisti “indie” all’interno della classifica album italiana, anche se in realtà le posizioni – alte – raggiunte da molti di loro sono influenzate anche da altri fattori che nulla hanno a che fare con il successo reale (bastano poche copie vendute per arrivare in alto in classifica e le distribuzioni affidate alle major aiutano il posizionamento all’interno dei grandi store, in un certo senso privilegiati dall’attuale sistema di rilevamento).

Brunori SAS – Arrivederci Tristezza    174.349
Dente – Invece Tu    154.023
Le Luci Della Centrale Elettrica – Le Ragazze Stanno Bene    129.314
Lo Stato Sociale – C’eravamo Tanto Sbagliati    91.943
Mannarino – Malamor    185.971
Zen Circus – Viva    98.121

Dente, Brunori Sas o Le Luci Della Centrale Elettrica sono artisti che hanno venduto 6/10.000 copie dei rispettivi ultimi album, nei quali il brano più ascoltato su Spotify ha per il momento totalizzato 100/150.000 plays.

Quali sono invece le cifre di alcuni dei brani italiani di maggior successo durante i primi mesi del 2014?
Arisa – Controvento    1.051.964
Cesare Cremonini – Logico #1    1.432.417
Francesco Renga – Il mio giorno più bello nel mondo    556.351
Vasco Rossi – Dannate Nuvole    324.749

Cosa succede invece a livello internazionale? Focalizzando l’analisi sui brani di maggior successo estratti da alcuni degli album più acclamati e/o discussi dell’anno si nota come ciò che accade in USA continui ad avere l’impatto più grande sulle cifre internazionali, così come continua la forte influenza della televisione (live al Letterman Show o anche utilizzo nei telefilm, basti pensare che la fino a ieri semi sconosciuta Far From Any Road degli Handsome Family – sigla di True Detective – ha totalizzato gli stessi plays di Lazaretto di Jack White).

Alvvays – Archie, Marry Me    356.990
Angel Olsen – Forgiven/Forgotten    769.035
Avey Tare’s Slasher Flicks – Little Fang    609.981
Badbadnotgood – Hedron    363.313
Beck – Blue Moon    5.919.622
Ben Frost – Flex,    96.523
Black Lips – Boys In The Wood    670.730
Broods – Bridges    6.877.445
Chet Faker – Talk Is Cheap    7.348.090
Cloud Nothings – I’m Not Part Of Me    960.849
Damon Albarn – Everyday Robots    2.686.179
East India Youth – Dripping Down    177.085
Fear Of Men – Waterfall    74.324
First Aid Kit – My Silver Lining    10.168.906
Future Islands – Seasons (Waiting On You)    5.251.514
Glass Animals – Gooey    6.286.179
Hamilton Leithauser – Alexandra    1.298.061
Have a Nice Life – Guggenheim Wax Museum    41.661
How To Dress Well – Words I Don’t Remember    779.021
Hundred Waters – Cavity    327.293
Jack White – Lazaretto    5.367.204
Jungle – Busy Earnin’    6.494.462
La Roux – Uptight Downtown    1.740.948
Lykke Li – No Rest For The Wicked    5.836.077
Little Dragon – Klapp Klapp    2.784.588
Mac DeMarco – Salad Days    2.191.104
Mogwai – Remurdered    1.013.146
Nothing – Dig     114.740
Ought – Habit    136.417
Parquet Courts – Black and White    411.756
Perfect Pussy – Driver    152.154
Phantogram – Fall In Love    9.001.053
Real Estate – Talking Backwards    3.306.939
Shabazz Palaces – They Come In Gold    120.423
Sharon Van Etten – Every Time The Sun Comes Up    1.089.565
SOHN – Artifice    3.960.091
Spoon – Do You    2.083.480
St.Vincent – Digital Witness    4.218.546
Sun Kil Moon – Carissa    706.035
Swans – Screen Shot    255.024
Sylvan Esso – Coffee    4.917.755
Teleman – Cristina    210.906
Temples – Shelter Song    1.756.419
The Afghan Whigs – Algiers    685.119
The Antlers – Hotel    650.429
The Horrors – So Now You Know    1.133.389
The Pains Of Being Pure At Heart – Simple and Sure    521.967
The War On Drugs – Red Eyes    6.334.873
Timber Timbre – Hot Dreams    783.047
Todd Terje – Delorean Dynamite    1.574.280
Trust – Joyland    338.319
Tune-Yards – Water Fountain    2.618.979
Tycho – Awake    3.600.864
Warpaint – Love Is To Die    3.524.970
Wild Beasts – Wanderlust    1.477.807

Cifre di un certo peso ma minime rispetto a quelle relative ai brani più ascoltati di sempre su Spotify (ovviamente più recenti sono, più sono avvantaggiati, considerando l’aumento di quota dello streaming e l’aumento del numero di paesi coperti dal servizio) in cui a vincere sono i soliti noti, con una certa inclinazione alle hit dance:

Avicii – Wake Me Up     273.733.666
Imagine Dragons – Radioactive    249.194.555
Macklemore & Ryan Lewis – Can’t Hold Us    235.764.540
Passenger  – Let Her Go    225.113.094
Daft Punk feat. Pharrell Williams – Get Lucky    216.429.047
Pharrell Williams – Happy    215.401.232
Pitbull feat. Kesha – Timber    209.964.774
OneRepublic – Counting Stars    208.069.484
Macklemore & Ryan Lewis – Thrift Shop    200.420.694
Lorde – Royals    188.266.241
Bastille – Pompeii    188.235.795
Katy Perry – Dark Horse    188.013.685
Robin Thicke feat. T.I. & Pharrell – Blurred Lines    185.419.246
Imagine Dragons – Demons    179.856.457
Clean Bandit feat Jesse Glynne – Rather Be    177.071.252
Avicii – Hey Brother     165.250.886
Gotye feat. Kimbra – Somebody That I Used To Know    162.303.554
Eminem feat. Rihanna – The Monster    162.002.493
John Legend – All Of Me    157.076.996
Calvin Harris – Summer    154.206.913
David Guetta feat. Sia – Titanium    153.058.872
Swedish House Mafia – Don’t You Worry Child    151.888.541
The Lumineers – Ho Hey    150.577.637
Awolnation – Sail    149.804.242
Rihanna – Diamonds    148.560.348

I dati evidenziano un comportamento e un dominio (pur con tutti gli effetti long tail del caso) delle major non troppo dissimile da quanto accade per album e digital download, segno che lo streaming è stato sì in grado di offrire al pubblico una grande alternativa, ma a conti fatti certe dinamiche sono ancora difficili da rivoluzionare.

27 Agosto 2014 di Riccardo Zagaglia
TAG
Precedente
Bob Dylan, in arrivo “The Basement Tapes Complete” Bob Dylan, in arrivo “The Basement Tapes Complete”
Successivo
J. Mascis. Il nuovo videoclip “Every Morning” con ospiti Mercer degli Shins e Armisen di Portlandia J. Mascis. Il nuovo videoclip “Every Morning” con ospiti Mercer degli Shins e Armisen di Portlandia

Altre notizie suggerite