Weekend di pubblicazioni discografiche e streaming. Ascolta gli album di Lcd Soundsystem, Mogwai, Ensi e altri

Se lo scorso weekend ha segnato una corposa ripresa del mercato discografico internazionale e questo non è da meno, con l'ascolto - e le recensioni - degli album di LCD Soundsystem, Mogwai e molti altri

NB: salvo quando diversamente indicato, trovate l’ascolto Spotify di ogni disco citato nella relativa pagina album. 

Lo scorso weekend ha segnato una corposa ripresa del mercato discografico internazionale certificato da pubblicazioni di peso come gli attesissimi Queens of the Stone Age di Villains, recensiti da Tommaso Iannini, e dei non meno celebrati The War On Drugs di A Deeper Understanding, recensiti da Carmine Vitale, con entrambi i dischi a rivelarsi solidi e all’altezza delle aspettative. Questo fine settimana magari non sarà altrettanto carico di uscite, tuttavia siamo grossomodo agli stessi livelli per qualità, visibilità e prestigio, dato che sul piatto abbiamo degli eroi dei 00s che rispondono al nome di Lcd Soundsystem, con il quarto album American Dream (recensito da Fernando Rennis), e una band che più che di culto è diventata un classico, i Mogwai. Il loro Every Country’s Sun, che vede il ritorno dell’iconico produttore Fridmann (Mercury Rev, The Flaming Lips, Spoon), viene descritto in sede di recensione da Tommaso Iannini come un disco di «una maturità stra-consolidata e dissemina seri indizi di una rinnovata (e ritrovata) ispirazione»; sono belle parole che fanno il paio anche con una citazione ai June of 44, che è sempre cosa buona e giusta. Continuando la carrellata utilizzando la chiave di lettura del ritorno ad anni di distanza, abbiamo gli Starsailor, ragazzi ormai adulti che nel 2004, altezza Silence is easy ,vendevano milioni di copie e ora si ritrovano con un album post-reunion – All This Life – che esce a otto anni dal precedente, All the plans, e tenta le luci della ribalta con un sound che ammicca agli U2 del nuovo millennio o ai Placebo più solari. Ne parla Antonio Lamorte nella sua articolata recensione.

Il lato elettronico delle pubblicazioni settimanali vede protagonisti Actress con un EP intitolato Audio Track 5 nato da una session che ha coinvolto la London Contemporary Orchestra (l’uscita è collegata alla pubblicazione dell’album AZDrecensito da Edoardo Bridda – che è anche una delle nostre scelte dell’anno), e una rodata coppia del clubbing internazionale, ovvero il duo di producer formato da Matt McBriar e Andy Ferguson che escono sulla blasonata Ninja Tune con l’omonimo Bicep, un disco a base di una cruda ed energetica miscela di house, disco e techno. Sicuramente l’uscita più grossa in questo senso è rappresentata dal ritorno di Andrew Butler, titolare del progetto Hercules and Love Affair. Il suo quarto album s’intitola Omnion ed è quello da cui abbiamo apprezzato l’anteprima con il featuring di Sharon Van Etten. In sede di recensione, Luigi Lupo ne parla nei termini di un successo declinato su arrangiamenti che spaziano tra house, deep, synth pop ed anche un tocco di new wave grazie al doppio contributo di Faris Badwan degli Horrors.

Spostandoci su territori indie, senz’altro tra le pubblicazioni da menzionare c’è The Echo Of Pleasure dei Pains Of Being Pure At Heart, che Zagaglia descrive in sede di recensione condendo l’analisi con un po’ di nostalgia per i tempi andati, e Music From Before The Storm, nuova prova dei Daughter che esce a pochi mesi di distanza da Not To Disappear e rappresenta la colonna sonora di un videogioco.

Per quanto riguarda il rap italiano, Luca Roncoroni ci parla di V del catanese Ensi e di Endangered Philosophies, il ritorno di peso degli immarcescibili Dälek (recensione). Tra le ristampe segnaliamo la sontuosa versione deluxe per il ventennale di Urban hymns della quale si è occupato Tommaso Iannini, che ne analizza contesto ed importanza nell’Inghilterra di allora e di oggi. Last but not least vi consigliamo infine il live album + concert film Live At Terminal 5 dei Knife e l’ascolto di Off White della songwriter minimale Lotte Kestner, nota anche per aver cantato nell’album dei Chemical Brothers, Push The Button.

Per una panoramica generale sulle uscite da oggi ai prossimi mesi vi rimandiamo come sempre alla pagina dedicata In Uscita (disponibile anche dal menù di navigazione e in visione solo per utenti desktop). Se volete, potete consultare anche gli editoriali relativi alle uscite del 25 agosto, 28 luglio, 21 luglio, 14 luglio, 7 luglio, 30 giugno23 giugno16 giugno9 giugno2 giugno26 maggio19 maggio12 maggio5 maggio28 aprile21 aprile14 aprile7 aprile31 marzo24 marzo17 marzo10 marzo3 marzo24 febbraio17 febbraio10 febbraio27 gennaio e 3 febbraio.

Tracklist